Quanti giorni di assenza ingiustificata per il licenziamento?


Quanti giorni di assenza ingiustificata per il licenziamento?




Cos’è l’assenza ingiustificata dal lavoro? Parliamo di assenza ingiustificata da lavoro quando il lavoratore non si presenta sul luogo di lavoro omettendo di darne comunicazione anticipatamente al datore di lavoro.

In capo al lavoratore sussistono dei diritti e degli obblighi.
Il lavoratore ha il diritto di accedere alle ferie retribuite, ai permessi ed ai congedi parentali; ciononostante la sua assenza non deve ostacolare l’attività dell’azienda, il lavoratore, sia alle dipendenze del pubblico impiego, sia alle dipendenze del privato ha il dovere di comunicare anticipatamente la volontà di assentarsi dal luogo di lavoro (motivandola), quindi ha dovere di dare il giusto preavviso.
Solo grazie ad una comunicazione data col giusto anticipo si dà la possibilità all’azienda di riorganizzare il lavoro tenendo conto dell’unità di lavoro che viene a mancare.

Quando si verifica l’assenza ingiustificata dal lavoro?

Parliamo di assenza ingiustificata dal lavoro nel caso in cui il lavoratore non abbia comunicato al datore di lavoro la volontà di assentarsi, ma si assenta ugualmente, allo stesso modo è considerato assente ingiustificato dal lavoro chi non rispenta i tempi massimi per dare il preavviso motivato.
Infine è da ritenere assente ingiustificato chi pur avendo dato comunicazione al datore di lavoro nei giusti tempi, non si è visto il permesso accordato da quest’ultimi, ma nonostante il diniego si assenta.

Quali sono le conseguenze in caso di assenza ingiustificata da lavoro e quanti giorni ci vogliono affinché si rischi il licenziamento?




Da premettere che in caso di assenza ingiustificata da lavoro si rischia il licenziamento “per giusta causa”.
È legittimo il licenziamento del lavoratore che si assenta nonostante il datore di lavoro non gli abbia accordato le ferie; così come è legittimo il licenziamento nel caso in cui il lavoratore non faccia rientro al lavoro dopo che le stesse sono terminate.

Il licenziamento non avviene in automatico

Bisogna precisare che il licenziamento non è automatico, ma potrà avvenire dopo l’apertura di un procedimento disciplinare al termine del quale c’è il provvedimento vero e proprio in cui viene deciso quali sono le conseguenze per il lavoratore.

Inoltre l’orientamento giurisprudenziale ha distinto le assenze assolutamente ingiustificate dalle assenze giustificate in ritardo.

Con la sentenza n. 20218 del 07/10/2016 la corte di Cassazione ha disposto che nel caso in cui l’assenza ingiustificata dal lavoro si sia protratta per tre giorni è prevista l’immediata risoluzione del contratto.

Ciononostante successivi interventi legislativi hanno precisato che per stabilire se il licenziamento sia legittimo bisognerà fare riferimento ai CCNL qualora sia previsto il licenziamento esso è da ritenersi legittimo; fermo restando la previa valutazione del ruolo ricoperto dal lavoratore nell’azienda e della gravità conseguenze che comporta l’assenza dal luogo di lavoro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.