Contratto di lavoro categorie protette, come funziona   


Contratto di lavoro categorie protette, come funziona   




Il contratto di lavoro categorie protette è un contratto riservato esclusivamente ai lavoratori con varie tipologie di disabilità. La legge 68/99 obbliga l’inserimento in ambito lavorativo gli individui che fanno parte delle categorie protette. L’obbligo di assumere soggetti che fanno parte di queste categorie protette varia in relazione alla dimensione della azienda che dovrà assumere personale al suo interno anche in base alle novità contratti di lavoro 2018. In questa guida andremo a vedere le diverse tipologie di disabilità e quali sono gli obblighi ed esoneri delle imprese.

Contratto di lavoro categorie protette: Le tipologie di disabilità

Come già anticipato, esistono varie tipologie di disabilità idonee a poter firmare un contratto di lavoro categorie protette. Secondo la legge Italiana, possono essere inserite in questa tipologia di contratto:

  • Gli invalidi che hanno una incapacità lavorativa maggiore al 45% o almeno del 33%;
  • Invalidi di guerra o per altre cause di servizio;
  • I non vedenti;
  • Categorie protette: profughi italiani, orfani e vedove/i di deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio ed equiparati, per cui anche vedove/i, orfani, coniugi e figli di grandi invalidi del lavoro dichiarati incollocabili, dei grandi invalidi per servizio o di guerra con pensione di prima categoria, vittime del dovere, terrorismo e criminalità organizzata.

I soggetti appena elencati, possono essere assunti tramite contratto di lavoro. Inoltre, bisogna specificare che nonostante la propria invalidità, i soggetti dovranno essere in grado di svolgere una delle mansioni lavorative ricercate dall’aziende.

Contratto di lavoro categorie protette: la quota di riserva

Dal 1° gennaio 2018 con il nuovo decreto tutte le aziende pubbliche oppure private con più di 14 dipendenti sono obbligate ad effettuare assunzioni di lavoratori in possesso della legge 104.




Tale obbligo varia a seconda del numero di dipendenti presenti all’interno dell’azienda. Inoltre, va precisato che nel calcolo della quota di riserva non bisogna calcolare i dirigenti, stagisti oppure addetti al telelavoro.

Quindi come si calcola la quota di riserva? Le aziende che hanno dai 14 ai 35 dipendenti hanno l’obbligo di sottoscrivere almeno 1 contratto di lavoro categorie protette. Per le aziende che hanno dai 35 ai 50 dipendenti sono obbligati ad assumere almeno due lavoratori in possesso della legge 104. Infine, le aziende che hanno più di 50 dipendenti sono obbligate ad avere una quota di riserva del 7% e dell’1% a favore delle categorie protette.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.