Come funziona il contratto a chiamata, quello che c’è da sapere


Come funziona il contratto a chiamata, quello che c'è da sapere




Il contratto a chiamata è anche conosciuto come lavoro intermittente o contratto ad intermittenza, ed è uno dei tipi di contratti che sono stati inseriti dalla Legge Biagi che poi è stata modificata nuovamente con il Jobs Act di Matteo Renzi. Come funziona il contratto a chiamata a tempo determinato, come dice stesso il nome, vuol significare che la prestazione di lavoro verrà effettuata solo dopo la chiamata di un datore di lavoro o dell’azienda che ne fa richiesta.

Lavoro a chiamata come funziona

Si tratta quindi di un tipo di contratto di lavoro subordinato, poiché i tempi e i modi sono decisi dallo stesso datore di lavoro, quindi solo all’occorrenza. Un esempio di contratto di lavoro ad intermittenza può essere fatto in riferimento al periodo natalizio, quando aumentano i picchi di vendita e quindi qualche datore di lavoro  ha bisogno di ulteriore personale addetto alle vendite. In questo caso viene stipulato il contratto a chiamata, avendo così lo scopo di inquadrare chi viene occupato solo in certi periodi.

Il datore di lavoro però per poter far funzionare la pratica del contratto a chiamata, ha il dovere di effettuare una comunicazione amministrativa tramite SMS o chiamata almeno 24 ore prima, se invece questa comunicazione deve essere effettuata con email, oppure in altri modi, allora bisognerà effettuarla con un massimo di 30 giorni all’indirizzo di posta certificata, conosciuta anche come PEC. Coloro che non rispettano le norme, sono soggetti a delle sanzioni che vanno dai 400 ai 2400 euro come previsto dalla legge.

Lavoro a chiamata: Le Tipologie

Il contratto a chiamata è vietato quando bisogna sostituire uno o più lavoratori in sciopero, se l’azienda ha effettuato nei 6 mesi precedenti licenziamenti o riduzione di ore, se non sono stati fatti controlli relativi ai rischi sulla sicurezza del lavoro. Ci sono inoltre di due tipi lavoro a chiamata a tempo determinato:




  • Indennità di disponibilità
  • Senza vincolo.

Il contratto ad indennità di disponibilità, il lavoratore può poi scegliere se essere vincolato alla
chiamata del datore di lavoro oppure senza vincolo di risposta.

Anche il lavoratore deve sottostare a delle norme, proprio come il suo datore di lavoro. Infatti, qualora
si abbiano più proposte di contratti a chiamata da parte delle aziende, bisogna stare attenti a non
scegliere attività che possano indurre alla concorrenza tra due imprese e soprattutto bisogna
assicurarsi di poter svolgere professionalmente tutti i lavori per cui si è ricevuta la chiamata, senza
trascurare nessun impiego.

Infine, concludiamo sottolineando un parametro fondamentale del lavoro ad intermittenza, ovvero
quello che riguarda l’impossibilità di superare 400 giorni di lavoro in 3 anni ad eccezione di alcuni
settori come: spettacolo, turismo e pubblici esercizi.



Загрузка...

1 Trackback / Pingback

  1. Contratti di lavoro, cosa cambia nel 2018. Quello che c'è da sapere

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.