Liberatoria video e foto, chi la deve compilare


Liberatoria




La liberatoria è un documento scritto, redatto in duplice copia, con cui un soggetto dichiara un qualcosa o autorizza un’altra persona ad agire in un determinato modo.

In questo articolo ci occupiamo della liberatoria video e foto.

Se un autore di un video o di una foto partecipa ad un concorso con tale immagine o filmato, allora gli organizzatori dell’evento chiederanno all’autore di firmare una liberatoria con cui vengano autorizzati a riprodurre pubblicamente e gratuitamente l’opera.

Si parla di liberatoria alluso dell’opera con cui il proprietario della foto o del video autorizza ad utilizzarli per una determinata finalità, senza cederne però il diritto d’autore.

Nella liberatoria d’uso devono essere indicati:

  • i dati anagrafici delle parti
  • i dati dell’opera oggetto della liberatoria
  • la dichiarazione che l’opera è originale e propria, con relativa esenzione di responsabilità della parte utilizzatrice nel caso in cui venga fuori il vero autore
  • l’oggetto dell’autorizzazione
  • la dichiarazione da parte del soggetto che autorizza l’uso della sua opera, senza pretendere alcun compenso
  • l’autorizzazione all’uso dei dati personali dell’autore

Inoltre, se nei video o nelle foto compaiono persone, è necessario far firmare una liberatoria utilizzo immagini a questi soggetti.




Quindi la liberatoria deve essere firmata da tutti i soggetti rappresentati nelle foto, nelle immagini o nei video (famigliari, modelli, professionisti, attori), anche se il filmato è girato per strada.

Non va firmata la liberatoria nel caso in cui la ripresa sia fatta durante un evento pubblico o una cerimonia.

Infatti la legge 633 stabilisce che non si possono esporre, riprodurre o commercializzare ritratti, fotografie o video nelle quali appaiono persone differenti da chi ha realizzato il video.

Ma la legge dice anche che “non occorre il consenso della persona ritratta quando la riproduzione dell’immagine è giustificata dalla notorietà o dall’ufficio pubblico coperto, da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico”.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.