Contratto di lavoro subordinato, di cosa si tratta


Contratto




L’art. 2094 del Codice Civile qualifica come prestatore di lavoro subordinato, colui che si obbliga, mediante retribuzione, a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore.

Quindi vi sono due figure principali quando si tratta di lavoro subordinato:

  • il datore di lavoro, cioè colui che dà il lavoro ad un altro soggetto e lo retribuisce
  • il prestatore di lavoro subordinato, colui che si impegna ad effettuare la propria prestazione di lavoro alle dipendenze e sotto la direzione del datore di lavoro, contro il pagamento di una retribuzione

I tratti fondamentali del contratto di lavoro subordinato sono 3 e cioè:

  1. collaborazione: cioè la partecipazione di un soggetto all’attività lavorativa di un altro
  2. onerosità: nel senso che il lavoro viene svolto dal lavoratore contro il pagamento di una retribuzione
  3. subordinazione: il lavoratore subordinato presta la propria attività lavorativa personalmente, seguendo le istruzioni che gli vengono date dal datore di lavoro circa il contenuto e le modalità di svolgimento della prestazione.

Da ciò discende che può essere eventualmente soggetto a sanzioni disciplinari, nel caso in cui non osservi le prescrizioni ricevute.

I rapporti di lavoro subordinato

I rapporti di lavoro subordinato sono regolati dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (CCNL) stipulati a livello nazionale tra le parti sociali ed eventualmente dai Contratti provinciali e dai Contratti integrativi aziendali.




I contratti di lavoro subordinato possono essere a tempo indeterminato o determinato e, a loro volta, a tempo pieno o a tempo parziale (anche detto part time).

Nel contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, è previsto un periodo di prova che non può mai essere superiore ai 6 mesi.

Dopo il periodo di prova, il lavoratore viene assunto a svolgere mansioni, compiti e attività per le quali è stato assunto.

Il contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, invece, prevede un termine finale di durata che deve essere indicato nel contratto di lavoro subordinato.

Può essere prorogato per una sola volta con il consenso del lavoratore.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.