Patentino installatore climatizzatore, come si prende


Patentino installatore




Sia per l’installazione di un climatizzatore che per la ricarica del gas degli impianti, è necessario che il tecnico specializzato sia in possesso di un patentino. Questo patentino è obbligatorio per tutti i tecnici che maneggiano il gas refrigerante contenente Cloro (CFC-HCFC), come i gas R11, R12, o che contiene i gas fluorati HFC, come i gas R134a, R407C. Ovviamente questa pratica va associata ad un’apertura di una ditta individuale o ad una partita iva semplificata.

Patentino installatore, come richiederlo

Questo perché i tecnici devono acquisire le competenze per svolgere il proprio lavoro nel rispetto della tutela dell’ambiente dato che questi gas sono molto dannosi per l’ozono e per avere la certezza che il lavoro richiesto venga svolto a norma e per la sicurezza di chi abita in casa.

I tecnici autorizzati all’installazione di condizionatori d’aria (ma anche addetti a lavori come la ricarica del gas refrigerante) sono coloro che possiedono il patentino e che hanno acquisito l’autorizzazione ad operare. Infatti, il tecnico deve dimostrare al cliente di possedere l’autorizzazione ad operare mostrando un tesserino rilasciato dalla Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura (CCIAA).

Il patentino viene rilasciato a chi sostiene un esame (diviso in parte teorica e parte pratica) ottenendo almeno il 60% in entrambe le prove: la parte teorica è composta da 30 domande a cui rispondere in 1 ora e 30 minuti. Invece, la parte pratica verte sulle principali mansioni dell’installatore, fra le altre:




  • verifica del corretto funzionamento dell’impianto;
  • realizzazione di una tubazione;
  • operazione di carico-vuoto del refrigerante e recupero dello stesso.

Prima dell’esame, per prepararsi, si può frequentare un corso di formazione che però non è obbligatorio.

E’ necessario il rilascio del patentino perché solo il suo possesso permette l’iscrizione al Registro Telematico per i gas fluorurati (Fgas) sia per le persone che per le imprese. L’iscrizione costa 13 euro per le persone fisiche e 21 euro per le imprese; entrambe devono apporre all’iscrizione la marca da bollo da 14,62 euro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.