Addestratore cinofilo, quali permessi chiedere


Addestratore cinofilo




Per lavorare con gli animali e soprattutto con i cani non serve solo la passione per gli animali ma soprattutto le giuste competenze e ovviamente i permessi. Per avviare l’attività da addestratore cinofilo, è necessario:

  • aprire la Partita IVA;
  • iscriversi alla Camera di Commercio;
  • possedere la certificazione di idoneità di tutta la struttura, rilasciata dalla ASL e dal servizio igiene che faranno un sopralluogo per verificare che tutti i requisiti igienico-sanitari siano stati rispettati secondo le leggi e le normative in vigore;
  • il titolare deve inoltre essere in possesso del certificato di conformità edilizia/agibilità.

In particolare, i permessi riguardano la sede dove viene esercitata l’attività.

In una autodichiarazione, il proprietario del centro deve dichiarare che laddove venga esercitata l’attività, ci sia una persona responsabile dell’assistenza degli animali in possesso di una qualificata formazione professionale sul benessere animale.

Per quanto riguarda i locali, devono essere:

  • forniti di acqua potabile e servizi igienici;
  • mantenuti sempre puliti e ventilati e, se necessario, provvisti di idonei aspiratori;
  • provvisti di idonei contenitori per la raccolta di rifiuti che devono essere svuotati giornalmente e disinfettati periodicamente.

Inoltre, si deve dichiarare di  esercitare la propria attività nel rispetto delle vigenti disposizioni sulla tutela e il benessere degli animali previste dalla legge, rispettando le esigenze fisiologiche, etologiche e morfologiche degli animali. I locali della sede, come detto, devono essere conformi alle norme urbanistiche ed edilizie nonché rispettano le norme di sicurezza ed igienico-sanitarie previste nella regione in cui si svolge l’attività.




Corretto smaltimento dei rifiuti prodotti

Per questo, deve essere effettuato un corretto smaltimento dei rifiuti prodotti e, in particolare, si deve essere a conoscenza che, nel caso vengano prodotti rifiuti a rischio infettivo, è necessaria la stipula di apposita convenzione con ditta autorizzata allo smaltimento degli stessi.

Inoltre, il titolare deve dichiarare la conformità delle attrezzature e delle apparecchiature elettromeccaniche, in relazione alla normativa CEE così come gli impianti elettrico, termico-idraulico e di distribuzione dei gas devono essere dotati di certificazione di conformità e correttamente posti in opera.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.