Presentatrice Avon e partita iva, serve averla?


Presentatrice Avon




Le presentatrici Avon sono delle libere professioniste assoggettate al regime fiscale dei venditori a domicilio perché la loro attività si svolge, in linea di massima, proprio prendendo gli ordini a casa dei consumatori finali. In realtà, le presentatrici possono organizzare il lavoro come meglio credono, nella più totale flessibilità, scegliendo orari e luoghi in cui mostrare i cataloghi e i prodotti un primo step per il lavoro in proprio.

La presentatrice Avon deve aprire la partita iva?

I compensi sono delle provvigioni sulle vendite effettuate: variano dal 14% al 30% in base alla tipologia dei prodotti ordinati. Inoltre, l’azienda premia le presentatrici che raggiungono un fatturato più alto con dei premi o delle provvigioni che arrivano anche al 50%. Proprio in base ai guadagni, la presentatrice capirà se aprire o meno la Partita IVA:

1 )Provvigioni fino a 6246,10 euro: ai venditori a domicilio, in questo caso, si applica la disciplina del lavoro occasionale che consente l’accesso ad un regime fiscale agevolato.




Le provvigioni indicate sono sottoposte ad una tassazione forfettaria del 78% per i 5000 euro netti, limite per accedere all’inquadramento della prestazione di lavoro occasionale.

I venditori a domicilio, in questo caso, sono esonerati:

  • dall’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi;
  • dagli obblighi previdenziale;
  • dall’apertura della Partita Iva e dagli obblighi contabili.

2) Provvigioni superiori ad euro 6.426,10: il venditore a domicilio, al superamento della soglia, è obbligato ad aprire la Partita Iva entro i 30 giorni successivi a quello in cui è stata superata la soglia.

Da quel momento tutti i compensi che eccedono il limite devono essere assoggettati ad Iva.

Il venditore a domicilio quindi deve:

  1. Aprire la Partita Iva utilizzando il codice attività 19.02 – “Procacciatori di affari di vari prodotti senza prevalenza di alcuno”;

iscriversi all’Inps – Gestione separata, tenendo conto che i contributi sono a carico per 1/3 del venditore e per 2/3 dell’azienda mandante, che provvederà a versarli all’Inps unitariamente.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.