Presentatrice Avon, come funziona il contratto


Presentatrice Avon




Le presentatrici Avon sono delle libere professioniste dinamiche ed entusiaste che organizzano le proprie giornate lavorative in totale autonomia e flessibilità. Per questo, è un lavoro adatto anche a studentesse o a donne che vogliano arrotondare il proprio stipendio o che, essendo casalinghe, vogliano guadagnare per togliersi degli sfizi e un primo passo per iniziare un lavoro in proprio e indipendente.

Le presentatrici Avon, cosa devono fare?

Sono amanti della cosmetica, si documentano sui prodotti presenti nel catalogo così da poterli promuovere e vendere con più facilità. Infatti, durante le “campagne”, periodi di circa 3 settimane, vengono lanciati i nuovi cataloghi con prodotti nuovi da pubblicizzare alle proprie clienti che potranno sceglierli e acquistarli. La propensione commerciale è necessaria per poter allargare la propria rete di clienti: di solito, si parte da amici e parenti e poi con il passaparola si ingrandisce il proprio giro commerciale.

Sono incaricate alla vendita diretta a domicilio e quindi l’attività di presentatrice Avon rientra nella categoria di venditore porta a porta e, per questo, è considerata una prestazione di lavoro occasionale ai fini IRPEF, assoggettata a ritenuta a titolo d’imposta. Inoltre, le presentatrici Avon non devono presentare la dichiarazione dei redditi (salvo che ne consegua redditi di altra natura) e soprattutto non bisogna aprire la Partita IVA.

Cosa succede con la dichiarazione dei redditi

Questa operazione sarà necessaria solo se la prestazione diventa continuativa nel tempo e si supera un reddito di 5000 euro (ricavi in euro di 6411). Svolgono un’attività indipendente ed occasionale rispetto all’azienda stessa, dunque, non sono considerate affiliate di Avon oppure dipendenti o agenti. In virtù di ciò, Avon non è responsabile per le dichiarazioni, gli atti o le omissioni delle presentatrici che svolgono dunque un’attività “svincolata” dall’azienda. E’ un’attività che viene retribuita a provvigioni: in base alla merce venduta, queste variano dal 14% al 30%, anche se l’azienda si riserva di premiare le presentatrici più meritevoli (che raggiungono determinati fatturati) con delle provvigioni più alte.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.