Tecnico antennista, cosa fare per diventarlo    


Tecnico antennista




Per quanto riguarda i requisiti per diventare un antennista, attengono soprattutto alla formazione da possedere. Per diventare un tecnico antennista, è necessario:

  • conseguire un diploma o un corso tecnico specifico;
  • frequentare un corso di formazione per diventare antennista che rilasci un attestato o una certificazione;
  • formarsi attraverso un apprendistato da un antennista esperto.

L’antennista, oltre ad aver affrontato degli studi specifici, deve possedere anche diverse conoscenze in ambito elettronico ed elettrotecnico. Inoltre, il lavoro dell’antennista si svolgerà spesso ad altezze elevate, dunque sarà fondamentale essere pronti a farlo.

Tecnico antennista, la professionalità prima di tutto

Infine, essere precisi e organizzati per svolgere il lavoro al meglio. L’antennista potrà decidere di lavorare come dipendente oppure come lavoratore autonomo aprendo la partita IVA come antennista o elettricista oppure avviando una propria attività in questo settore. Il titolare deve avere una qualifica di antennista specifica della professione che lo abiliti allo svolgimento dell’attività.

Per aprire un’attività come antennista bisognerà poi iscriversi al registro delle imprese, aprire la Partita IVA e iscriversi presso l’albo degli artigiani. Successivamente, iscriversi alla Camera di Commercio: i codici Ateco per l’antennista sono i 43.21.01, 02 e 03. Per avviare un’attività da antennista è necessario anche far fronte ad un investimento di circa 30/50 mila euro.




La sede legale in caso di apertura azienda

In primo luogo, per trovare una sede legale che possa essere la base di un deposito in cui conservare tutti gli attrezzi necessari per l’azienda. Questa sede potrà essere utilizzata anche per svolgere le attività di segreteria e amministrative oltre che di front office con i clienti. Altri costi saranno legati agli strumenti da acquistare per svolgere la propria attività dai clienti.

Ed infine, incluso nell’investimento, sono da considerarsi i costi per avviare l’attività dal punto di vista fiscale e commerciale, ovvero, tutto ciò che attiene la documentazione da presentare al proprio Comune di appartenenza per aprire l’attività.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.