Aprire un catering, occorre l’haccp?


Aprire un catering




Per aprire un catering, è necessario utilizzare una documentazione che potrebbe variare da Comune a Comune. Sicuramente, la prima cosa da fare è denunciare l’inizio dell’attività con la DIA. Questo documento, permette di ottenere l’autorizzazione sanitaria da parte dell’Azienda Sanitaria Locale di riferimento.

I controlli per aprire un catering

Con un proprio incaricato, controllerà che ci sia il rispetto delle norme igieniche e sanitarie degli ambienti in cui vengono lavorati gli alimenti e preparati i piatti.

Inoltre, verranno sottoposti a controllo anche i mezzi di traporto utilizzati per trasportare gli alimenti. In particolare, per ciò che riguarda la pulizia, la manutenzione e la suddivisione dei prodotti nei vani del carico dei veicoli e/o i contenitori utilizzati per i trasferimenti. Questi vani adibiti al traporto di alimenti devono essere visionati e puliti costantemente e devono essere utilizzati solo per il trasporto di materiali alimentari.

Solo dopo aver controllato che ci sia il rispetto delle norme igienico sanitarie, verrà rilasciata l’autorizzazione per la specifica attività alimentare che si andrà a svolgere. Infatti, bisognerà rispettare le norme dal punto di vista sanitario in riferimento all’HACCP, un protocollo che deve essere sottoscritto per prevenire possibili contaminazioni degli alimenti.




Cosa controlla l’ HACCP

L’HACCP racchiude tutte le procedure mirate a garantire il perfetto stato di conservazione dei prodotti e l’igiene dell’ambiente. E’ previsto dall’art.5 del Reg. CE 852 per tutti gli Operatori del Settore Alimentare (OSA) con la sola esclusione per quelli della produzione primaria (agricoltura, allevamento, ecc.) che hanno requisiti specifici. Lo scopo è quello di individuare, in tutte le fasi della lavorazione, i potenziali pericoli e mettere in atto un sistema che permetta di prevenirli o comunque ridurli al minimo.

Per chi si appresti ad iniziare un’attività di catering, sarà necessario seguire un corso dedicato proprio all’approfondimento della certificazione HACCP. Di solito, potrebbe trattarsi di un altro corso (come quello della somministrazione di cibi e bevande) in cui sono previste alcune ore dedicate al protocollo HACCP



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.