Aprire un catering, i primi passi da fare


Aprire un catering




Un’agenzia di catering è quella che si occupa di organizzare i pasti per delle cerimonie, feste, rinfreschi, cene e così via, provvedendo all’approvvigionamento di bevande e cibi. Aprire un catering può essere un’idea vincente, considerando che sono in tanti ad averne bisogno per le proprie festività. Si potrà iniziare a fare catering per eventi più piccoli e con poche persone per poi allargarsi a cerimonie e cene con più gente.

Ma quali sono i passi da fare per iniziare questa attività?

Innanzitutto, bisognerà tener presente che si sosterrà un investimento per iniziare questa nuova attività più una serie di altri costi legati, ad esempio, alle consulenze con un commercialista per la stipula dei contratti con i clienti. Oppure, altri costi legati all’assunzione del personale che comporrà il proprio staff.

Solo una volta che si è sicuri di poter far fronte a tutte queste spese, si potrà iniziare con il frequentare un corso per la somministrazione di alimenti e bevande presso la Camera di Commercio locale. Infatti, non è necessario avere altro titolo di studio specifico e, una volta frequentato questo corso, si potrà dare vita all’attività, come società o ditta individuale.

Si dovranno, poi, ottenere tutte le licenze necessarie.

In particolare, bisognerà rivolgersi all’Azienda Sanitaria Locale di riferimento che dovrà accertare il rispetto di tutte le norme igieniche e sanitarie degli ambienti in cui gli alimenti vengono trattati e i prodotti preparati oltre che dei mezzi adibiti al trasporto. Solo a questo punto, inizierà la parte più pratica, cioè quella del pensare ad un menù che caratterizzerà la propria offerta. In relazione al proprio target di riferimento, si potranno scegliere gli ingredienti protagonisti delle proprie portate, utilizzando prodotti stagionali e sempre freschi.




Puntare a differenziarsi dalle altre agenzie di catering presenti sul mercato, può rappresentare un punto di forza: studiare bene il menù che si offrirà, farà davvero la differenza.



Загрузка...

4 Trackbacks / Pingbacks

  1. Aprire un catering, occorre l’haccp?
  2. Aprire un catering, quali permessi occorrono
  3. Aprire un catering, serve un locale?
  4. Aprire un catering, si può fare in casa?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.