Animatori per bambini, quale regime fiscale adottare


Animatori per bambini




Quella dell’animatore per bambini è una professione sempre più richiesta sia dai genitori che vogliano organizzare delle feste divertenti per i propri bambini, sia dalle strutture ricettive, come alberghi o residence, che vogliono allietare le giornate dei più piccoli. Si può intraprendere questa attività sia come libero professionista sia alle dipendenze di qualche agenzia, di alberghi e strutture.

Quale regime fiscale devono adottare gli animatori per bambini

Nel caso di lavoro come libero professionista, il guadagno può andare dai 70 ai 100 euro, in base alle attività da svolgere (gli strumenti e gli attrezzi saranno a carico dell’animatore). Se, invece, si lavora tramite agenzia, il materiale viene fornito da questa e il guadagno è inferiore (circa 50 euro a prestazione).

In molti svolgono questa attività come secondo lavoro (ad esempio, studenti che vogliono mettere da parte qualche soldo), tuttavia è necessario, per svolgere legalmente questa attività, aprire la Partita IVA. Infatti, è necessario avere un inquadramento fiscale e contributivo quando si svolge l’attività autonomamente. Ovviamente, non ci sarà bisogno di iscriversi a nessun albo professionale perché per questa attività non è necessario.

Tuttavia, bisogna, come per qualsiasi altro professionista, aprire la Partita IVA.




Bisognerà compilare l’apposita domanda inserendo:

  • dati fiscali;
  • residenza;
  • sede dell’attività (può coincidere anche con la residenza);
  • codice ATECO relativo all’attività;

A questo proposito, per capire quale codice ATECO inserire e non sbagliare (e quindi incorrere in sanzioni) è meglio rivolgersi ad un commercialista.

  • Regime fiscale che si vuole adottare.

In questo caso, il professionista può scegliere fra il regime ordinario o quello forfettario. Il regime forfettario è il regime agevolato in Italia dal 2015 ed è specifico per coloro che si avvicinano per la prima volta al mondo del lavoro, prevedendo per loro delle agevolazioni. Si tratta di un regime agevolato esente da IVA, questo vuol dire che, nelle fatture dell’animatore, non sarà presente l’IVA e questo lo renderà più appetibile rispetto ai concorrenti.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.