E-commerce, quanto costa un portale


E-commerce




Le esigenze e i comportamenti di acquisto dei clienti si sono molto evoluti nel tempo anche per via dell’impulso che Internet ha avuto negli ultimi decenni. La gente era prima abituata ad effettuare i propri acquisti nei negozi fisici mentre ora può comodamente farlo da casa propria in qualsiasi momento tramite gli e-commerce. Quindi ecco perché aprire un portale di vendita potrebbe essere un’occasione di lavoro online da prendere in considerazione ma solo se fatto con criterio e strategia.

E-Commerce, un vero e proprio negozio virtuale

Gli e-commerce sono dei negozi online che permettono di acquistare praticamente di tutto (prodotti e servizi): il cliente può consultare il catalogo con i prodotti ed ordinare quello che gli serve e riceverlo direttamente a casa propria. Questo è un bel vantaggio non solo per gli acquirenti ma anche per i venditori che non avranno l’esigenza di ricercare un locale per il proprio negozio fisico né di pagare le utenze o gli stipendi.

Dovranno solo ideare e strutturare il proprio e-commerce anche grazie all’aiuto di un programmatore che lo realizzerà ascoltando le esigenze del committente. In questo caso, oltre al costo del portale, dovrà essere pagato anche il programmatore che supporterà la creazione dell’e-commerce.




Per quanto riguarda il costo del portale, questa cifra è variabile e dipende:

  • dal costo della licenza dell’eventuale software.

A questo proposito, il prezzo può variare anche in base alla qualità del software.

  • dal costo dell’hosting nel caso di piattaforme open source.

I software open source hanno delle licenze che consentono di avere gratuitamente l’installazione e la modifica. Tuttavia, è necessario avere un hosting cioè un computer che sia collegato 24 ore su 24 ad Internet in modo che i clienti possano raggiungere facilmente l’e-commerce. I costi dell’hosting possono variare dai 30 euro all’anno (o anche meno) fino ad oltre 1000 euro al mese.

Inoltre, bisogna considerare le altre voci di costo cioè:

  • il nome dominio ovvero l’indirizzo utilizzato dal computer per trovare quel dato sito web;
  • il design e quindi la grafica;
  • la manutenzione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.