Pilota di drone, libero professionista oppure no?


Pilota di drone




La professione del pilota di drone sta sempre più prendendo piede dopo l’avvento sul mercato dei droni, apparecchi aeromobili che volano pilotati da remoto. Sempre più persone vedono nell’attività di pilotaggio dei droni l’occasione giusta per guadagnare e, quindi, farla diventare una vera e propria professione. Infatti, accanto a piloti di droni “per divertimento” cioè coloro che lo fanno solo per hobby, ci sono molti piloti di droni professionisti.

Pilota di drone freelance, conviene o no?

La maggior parte dei piloti di droni sono freelance, altri, invece, sono quelli che utilizzano il drone per la loro professione (fotografi, geometri o agricoltori); infine, solo in piccola parte, vengono assunti come piloti da aziende.

Quindi, possiamo distinguere essenzialmente fra piloti di droni “autonomi” e altri che vengono assunti come dipendenti da aziende o enti. Per chi svolge l’attività autonomamente, è possibile scegliere fra libero professionista o ditta individuale.

La scelta tra libero professionista o ditta individuale dipende dalle attività che si svolgeranno con il drone: si sceglierà la libera professione nel caso in cui il drone venga utilizzato per attività come riprese video dall’alto o fotografie, dove le abilità del pilota sono indispensabili. Se, invece, il drone viene usato in contesti lavorativi dove prevalgono le qualità del drone piuttosto che quelle del pilota, è meglio scegliere la ditta individuale.




Ditta individuale o libero professionista

La ditta individuale è un’impresa di proprietà di un’unica persona che assume a tutti gli effetti il ruolo
di imprenditore; il libero professionista, invece, non è un imprenditore ma un soggetto che esercita
un’attività professionale in modo indipendente e non subordinato. In entrambi i casi, è obbligatoria
l’apertura della Partita IVA quando viene esercitata un’attività che ha natura professionale e continuativa, a prescindere dal volume di affari prodotto.

Nel caso di un professionista che utilizzi i droni saltuariamente, può non essere necessaria l’apertura della Partita IVA e i relativi compensi verranno dichiarati in “Redditi diversi”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.