Autista Uber, che regime fiscale adottare per essere in regola


Autista Uber




Uber è il servizio di trasporto automobilistico privato con cui i passeggeri possono contattare autisti tramite un’applicazione. Possono diventare autista Uber coloro che soddisfano determinati requisiti.

Tuttavia, bisogna prima distinguere fra:

  • autisti DriverPop cioè privati che mettono a disposizione la propria auto;
  • autisti DriverBlack cioè autisti con licenza NCC

La domanda per diventare autista Uber è molto alta

Il successo di Uber ha suscitato, dopo l’arrivo in Italia, non poche polemiche da parte dei tassisti italiani: questi hanno contestato la concorrenza sleale del servizio UberPop. Anche contro UberBlack sono nate diverse polemiche, tuttavia Uber ha vinto il ricorso e i giudici hanno fatto cadere le accuse di concorrenza sleale.

A parte le possibili accuse di concorrenza sleale, qual è il regime fiscale che devono adottare gli autisti di Uber?




Per quanto riguarda i privati che sono autisti DriverPop, il loro servizio viene inquadrato nell’ambito della sharing economy (economia della condivisione): in pratica, il servizio offerto da Uber consente di risparmiare costi (come quello della benzina) oltre che consentire un minor inquinamento e impatto sull’ambiente.

Il compenso autista come si calcola

In questo caso, dunque, il compenso che spetta al driver viene visto come un mero rimborso spese. Ricordiamo che l’autista guadagna l’80% della tariffa di quella corsa mentre Uber trattiene il 20%.

Per quanto riguarda gli autisti UberBlack, ecco gli adempimenti che spettano prima di entrare a far parte della squadra Uber:

  • ottenere il certificato di qualifica professionale KB e sostenere l’esame;
  • registrarsi nell’elenco dei conducenti qualificati nella Camera di Commercio;
  • registrarsi all’INPS nella sezione artigiani e commercianti.

Poiché Uber è una società basata in un altro Stato dell’Unione Europea (Olanda) ma operativa anche in Italia, per chi opera con la compagnia, è necessario aprire una Partita IVA.

In Italia, i driver devono registrarsi per l’IVA indipendentemente dal proprio fatturato. Tuttavia, nel caso di fatturato inferiore a 30.000 euro, si può godere di un regime fiscale semplificato.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.