Trattenute in busta paga troppo alte, chi può verificarlo


Trattenute in busta paga troppo alte, chi può verificarlo




La busta paga è un documento nel quale il lavoratore può leggere e verificare lo stipendio percepito e la sua congruità, rispetto a quanto stabilito sia tramite il contratto individuale di lavoro che il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro a lui applicato. Nella busta paga si parte dallo stipendio lordo per ottenere poi lo stipendio netto, effettivamente percepito dal dipendente. È buona norma verificare e controllare le trattenute in busta paga per verificare che non ci siano errori.

Come e dove controllare le trattenute in busta paga

Il passaggio dal lordo al netto è dovuto ad una serie di calcoli che prevedono la riduzione della somma per l’applicazione delle trattenute. Queste ultime sono date da una serie di quote, che spettano a diversi Istituti, per legge.

La trattenuta principale è l’IRPEF, la tassa che ciascun soggetto lavoratore deve versare allo Stato. Essa varia in base allo stipendio, maggiore è quest’ultimo e più alta è la quota IRPEF trattenuta. Il versamento viene effettuato direttamente dal datore di lavoro. Un’altra trattenuta è dovuto all’INPS, ai fini pensionistici. Anche in questo caso, la somma dipende dal totale dello stipendio del lavoratore. La trattenuta da versare all’INAIL invece riguarda la quota per garantirsi la copertura sanitaria per quanto riguarda gli infortuni sul lavoro.

Oltre alle trattenute cosa controllare

Oltre a queste trattenute vi sono poi le addizionali regionali e comunali, eventuali polizze assicurative private sanitarie. Insomma, non è semplice consultare una busta paga e può verificarsi il caso in cui le trattenute risultino al lavoratore troppo alte. Che cosa fare in questi casi?




Il passo opportuno è quello di intervenire con una verifica professionale ad opera di un esperto del settore. Il lavoratore può rivolgersi ad un Consulente del Lavoro oppure al Sindacato per la tutela dei diritti del lavoratore o ad un commercialista. Tali figure professionali possono riconoscere se il calcolo delle trattenute effettuate sul salario del dipendente, da parte del datore di lavoro, sia effettivamente eccessivo. In caso di esito positivo, il lavoratore ha diritto al rimborso della somma mancante, tramite conguaglio nelle buste paga successive.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.