Trattenute in busta paga, da chi farle controllare


Trattenute in busta paga, da chi farle controllare




Il datore di lavoro consegna la busta paga al dipendente in parallelo alla retribuzione che spetta a quest’ultimo. In busta paga sono segnalate tutte le informazioni, le trattenute in busta paga e le detrazioni che portano ad avere dallo stipendio lordo a quello netto, ricevuto dal lavoratore.

Può succedere che il lavoratore individui delle inesattezze o delle omissioni proprio nel leggere la busta paga e i dati in essa riportati. Come bisogna comportarsi in questi casi? A chi bisogna rivolgersi?

Controllare le trattenute in buste paga

Innanzitutto sarebbe opportuno riconoscere se il dato sbagliato presente in busta paga sia l’errore materiale o si tratti di una e propria omissione da parte del datore di lavoro. Ovviamente però ogni dato della busta paga deve essere corretto e, nel caso in cui non risulti così, occorre trattare la questione.

Il lavoratore può segnalare direttamente eventuali incongruenze presso il proprio datore di lavoro, tramite una richiesta scritta, in modo tale da poter richiedere una modifica o un conguaglio delle retribuzioni mancanti nelle buste paga successive.




Cosa fare in caso di errori

Nel caso in cui invece tali errori, come calcolo errato oppure omesso delle trattenute, siano fatti volontari del datore di lavoro, è opportuno rivolgersi ad un avvocato oppure ad un consulente del lavoro o al sindacato per la tutela dei lavoratori. E’ importante che qualsiasi illecito sia denunciato e risolto, per il rispetto della legge e dei diritti del lavoratore.

In generale comunque, è sempre opportuno controllare la propria busta paga. Se non si è in grado di leggere tutti i dati riportati e comprendere se i calcoli sono corretti o meno, ci si può rivolgere ad un’agenzia di servizi, al sindacato, ad un commercialista oppure ad un consulente del lavoro.

Le trattenute riguardano le imposte da pagare allo stato, quindi l’IRPEF, la quota da versare per l’assistenza sanitaria quindi l’INAIL, la quota da versare per ottenere la pensione quindi l’IRPEF ed altre trattenute che riguardano addizionali regionali e comunali, etc.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.