Diventare commercialista, quale laurea seguire


Diventare commercialista, quale laurea seguire




Per diventare commercialista, occorre conseguire inizialmente una Laurea Magistrale o Specialistica in Economia o una laurea in discipline economiche. Nello specifico, possono iscriversi al registro dei praticanti dottori commercialisti coloro che possiedano la:

  • laurea in Economia vecchio ordinamento;
  • Laurea Specialistica in Scienza dell’Economia;
  • Laurea Specialistica in Scienze economico-aziendali;
  • Laurea Magistrale in Scienza dell’economia;
  • Laurea Magistrale in Scienze economico-aziendali.

Diventare commercialista, e dopo la laurea cosa fare?

Dopo aver conseguito il titolo, è essenziale svolgere un periodo di tirocinio di 18 mesi presso lo studio di un Dottore Commercialista o esperto contabile iscritto all’Albo professionale da almeno 5 anni. Dopo i primi 18 mesi, l’aspirante commercialista potrà sostenere l’Esame di Stato da commercialista per esercitare la libera professione di Dottore Commercialista.

Se, invece, si possiede solo la Laurea Triennale, il tirocinio permette di poter fare domanda di ammissione all’Esame di Stato da esperto contabile. Il periodo di tirocinio può anche essere svolto durante il periodo di studi universitari.

Il registro dei tirocinanti

Ad ogni modo, durante il tirocinio, è necessario iscriversi al registro dei tirocinanti che è suddiviso in due sezioni:




  • A- Tirocinanti Dottori Commercialisti (per coloro che possiedono la Laurea Specialistica o Magistrale);
  • B- Tirocinanti Esperti Contabili (per coloro che possiedono la Laurea Triennale).

Dopo aver terminato il percorso di tirocinio, per poter diventare commercialista bisogna superare l’Esame di Stato. Questo esame consta di tre prove scritte e una prova orale; le prime due prove scritte hanno come argomenti, fra le altre, queste materie:

  • contabilità di impresa;
  • revisione aziendale;
  • finanza aziendale;
  • diritto privato;
  • diritto commerciale e fallimentare;
  • diritto tributario;
  • tecnica bancaria;
  • tecnica professionale.

La terza prova scritta, invece, è un’esercitazione nella redazione di atti riguardanti il contenzioso tributario. Infine, la prova orale è un colloquio davanti ad una commissione che verte sulle materie delle tre prove scritte più argomenti come informatica, matematica e statistica, legislazione e deontologia professionale.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.