Il contratto di lavoro all’estero, come funziona


Il contratto di lavoro all'estero, come funziona




Il contratto di lavoro all’estero è una questione molto delicata. Infatti, negli ultimi anni molti cittadini italiani stanno decidendo di emigrare all’estero per trovare una nuova occupazione lavorativa. I contratti di lavoro esteri hanno delle caratteristiche molto simili ai contratti italiani, l’unica differenza tra le due tipologie è quella che i contratti esteri sono molto più liquidi rispetto a quelli nostri. In questa semplice guida andremo a vedere nel dettaglio cosa bisogna inserire all’interno di essi e quali tipologie di contratti di lavoro esteri esistono.

Contratto di lavoro all’estero: Le caratteristiche

Come qualsiasi tipologia di contratto di lavoro, anche quelli esteri hanno uno scopo ben preciso, ovvero quello di informare per iscritto tutte le condizioni lavorative pattuite tra l’azienda e il dipendente. Queste condizioni dovrebbero essere illustrate prima dell’inizio del proprio rapporto di lavoro ma questo, raramente accade.

Infatti, le condizioni nonostante siano pattuite prima della firma del contratto, quelle scritte al suo interno vengono illustrate solo dopo una settimana di lavoro oppure addirittura dopo due mesi dal primo giorno di lavoro svolto presso l’azienda che si è assunti.

All’interno di un cotratto di lavoro estero bisogna obbligatoriamente inserire i seguenti dati:




°Dati del datore di lavoro;
°Dati del lavoratore dipendente;
°Luogo di lavoro se previsto;
°Titolo di studio posseduto dal lavoratore;
°Categoria di lavoro;
°Data di inizio del rapporto lavorativo;
°Durata del rapporto di lavoro.

Oltre queste indicazioni, bisognerà inserire le ferie annuali, la durata di preavviso per procedere al licenziamento, l’oriario di lavoro e la retribuzione lorda pattuita tra le due parti.

Contratto di lavoro all’estero: Le tipologie

Da come annunciato precedentemente, esistono diverse tipologie di contratti di lavoro esteri. Infatti, a seconda della Nazione è possibile avere diverse tipologie di contratti, vediamo quali.

In Francia una delle tipologie di contratti più utilizzata è il CDD. Questa tipologia di contratto solitamente non supera mai i 18 mesi. Infatti, esso è considerato un contratto di sostituzione temporanea.

In Germinia uno dei contratti più utilizzati è quello a tempo indeterminato con 40 ore settimanali. Infine, in Inghilterra è possibile effettuare contratti verbali con trasfomrazione a contratto scritto entro due mesi dall’assunzione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.