Dichiarazione dei redditi, su quale busta paga arriva il rimborso del 730?


Dichiarazione dei redditi, su quale busta paga arriva il rimborso del 730?




Dallo scorso mese di luglio, ci sono stati alcuni cambiamenti per quanto riguarda le normative ed il rimborso del fatidico 730, ovvero tutte le imposte pagate in sovrappiù che rimangono come trattenute durante l’arco dell’anno.

Durante la dichiarazione dei redditi è possibile infatti constatare le spese sostenute, sia a carico familiare che a carico personale. Se le spese sono superiori all’imposta Irpef, sarà possibile riscuotere la differenza fra ciò che si è pagato di più e la tassa effettiva da pagare.

Come riscuotere il rimborso nella dichiarazione dei redditi

Il rimborso delle detrazioni fiscali 2018 può essere effettuato in due modalità. Il tutto dipende se si è lavoratori dipendenti o pensionati. Se si è lavoratori dipendenti il datore di lavoro provvederà ad accreditare in busta paga la somma che finirà nel 730. Detto questo, il datore di lavoro provvederà personalmente a versare la somma che verrà poi destinata al 730, senza che il lavoratore abbia particolari procedure burocratiche da effettuare.

Se invece si è pensionati, grazie alla nuova normativa entrata in vigore da settembre 2017, la somma
da riscuotere riguardante il 730 verrà accreditata direttamente sull’assegno pensionistico
. Detto
questo, anche per i pensionati non ci saranno altre particolari operazioni da svolgere o altre trattenute
ulteriori da riscuotere.




Contribuenti senza sostituto d’imposta

Nei casi in cui i contribuenti risultino senza sostituto d’imposta, il rimborso Irpef verrà accreditato
direttamente sul conto corrente del contribuente in questione. Di conseguenza, l’Agenzia delle Entrate
comunicherà il soggetto in questione a riscuotere il rimborso
.

Nel caso che il rimborso per il 730 sia negativo (in altre parole, a debito per il contribuente che deve
riscuotere), è opportuno versare alcune imposte necessarie in due modi: tramite addebito sul conto
corrente o effettuando un versamento tramite il modello F24 (specificando l’importo dovuto).

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.