Stop al pagamento in contanti dello stipendio, a luglio pagamenti tracciabili


Stop al pagamento in contanti dello stipendio, a luglio pagamenti tracciabili




Fino ad oggi, il pagamento delle buste paga poteva avvenire sia tramite assegno che tramite contanti. Ad ogni modo, da luglio 2018 sembra che arrivi lo stop al pagamento dello stipendio che non potrà essere più pagato in contanti.

Le nuove leggi che entreranno in vigore dalla prossima estate 2018 specificano che la volontà dello stato è quella di voler porre fine ai pagamenti che risultavano in misura inferiore rispetto al contratto collettivo nazionale di lavoro.

Questo può garantire una tutela maggiore del lavoratore, in quanto l’impresa che consegna la busta paga al proprio dipendente necessita di garantire la cifra minima stabilita dal contratto sopracitato.

Da considerare inoltre che la nuova legislazione specifica che la firma sulla busta paga non conferma il pagamento della retribuzione quindi è anche importante saper leggere la busta paga. Vediamo le novità che verranno apportate dalla nuova normativa sul pagamento dello stipendio.




Stop al pagamento dello stipendio contanti: novità

È opportuno considerare che la nuova normativa non verrà applicata in tutti i casi. Infatti, la nuova
normativa considererà i contratti di lavoro dei dipendenti, i rapporti a collaborazione coordinata e tutti i
contratti di lavoro stipulati da cooperative.

Da notare invece che non si applicheranno tracciamenti dello stipendio per lavori di pubbliche
amministrazioni e per lavori domestici
che occupano un orario part-time (come lavori di mezza
giornata in ambito pubblico o lavori effettuati da badanti e colf).

Detto questo, tutti i lavori effettuati nella pubblica amministrazione e tutti quei lavori domestici di cui si
occupano colf e badanti avranno sempre la libertà di poter riscuotere il proprio stipendio in contanti, a
patto che il proprio datore di lavoro prediliga questa modalità di pagamento.

Ovviamente se non si rispettano i criteri esposti dalla nuova legislazione si può ricevere sanzioni che vanno da 1000 a 5000 €. Onde evitare eventuali multe, consigliamo a tutti i liberi professionisti ed imprese di tener di conto le novità della nuova normativa ed eventualmente di informarsi nello specifico dal proprio commercialista, in modo da evitare disguidi inaspettati.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.