Rinnovo contratto statali quello che c’è da sapere dopo l’ok del governo


Rinnovo contratto statali quello che c'è da sapere dopo l'ok del governo




Arriva dal governo il via libera al rinnovo contratto statali dei dipendenti statali, manca solamente l’ok da parte della corte dei conti ma che potrebbe arrivare nei prossimi 15 giorni. Un rinnovo che sbloccherà gli stipendi di circa 270mila dipendenti statali. MA a chi spetta l’aumento stipendi statali? L’aumento riguarderà esclusivamente gli impiegati dei ministeri, delle agenzie fiscali e degli enti pubblici non economici.

Rinnovo contratto statali quando arriveranno i soldi

Chiaramente finché non arriveranno tutte le conferme ufficiali del rinnovo contratto statali non potremmo dire da quando arriveranno i soldi ma, se l’iter intrapreso è questo senza intoppi di alcune genere, allora probabilmente già entro febbraio si potranno avere in busta paga i primi arretrati che riguarderanno il triennio 2016/2018. Si parla ovviamente di una cifra variabile e che dipende dalle mansioni e che sarà tra i 370 ai 712 euro. Inoltre il nuovo contratto statali 2018 prevederà un aumento dello stipendio di almeno 85 euro mensili per almeno dieci mensilità annue, dai 63 euro per le fasce più basse ad un massimo di 117 euro.

Interessante anche i termini dei contratti a termine che saranno al massimo di 36 mesi e che potranno essere rinnovati per altri 12 mesi solamente in via eccezionale. Inoltre il numero di dipendenti con questa tipologia di contratto non dovrà superare il 20% rispetto a tutti i lavoratori.
Al termine del periodo stagionale l’assunzione avverrà solamente attraverso un concorso in cui a dare il punteggio sarà anche l’esperienza maturata.

Cosa cambia nei contratti

Prima di tutto pene più severe per gli assenteisti, infatti dopo due assenze ingiustificate vicine ai
festivi il lavoratore rimarrà fuori ufficio e senza stipendio. Elasticità anche sugli orari di lavoro che
saranno più elastici sia in entrata che in uscita  e nel passaggio da part time a full time, sarà inoltre
possibile regalare le ferie ai colleghi che ne hanno bisogno per motivi di salute o per assistere un
familiare malato. Dal punto di vista dei permessi lavoro legge 104, infatti per assistere una familiare
disabile i permessi dovranno essere stabiliti mensilmente nel caso di un’urgenza particolare la
richiesta dovrà essere correlata da una necessità documentata con un margine di 24 ore di tempo.
Sono stati introdotti inoltre dei permessi per chi usufruisce di cure salvavita e alle assenze nei giorni
successivi alla terapia stessa per gli effetti collaterali e che potranno arrivare al massimo a 4 giorni.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.