Medico forense, cosa fare per diventarlo


Medico




C’è una branca della medicina, quella forense, che si occupa di applicare le conoscenze della scienza medica a diverse questioni legali (assicurazioni, infortunistica stradale, responsabilità medica, previdenza e sicurezza sociale).

Il medico forense, cosa fa

Il medico forense è il professionista che si occupa appunto di analizzare il percorso diagnostico e terapeutico al quale è stato sottoposto il paziente (e il fatto che lo ha causato) da un punto di vista scientifico.

È una disciplina davvero affascinante che incuriosisce sempre più giovani, sia quando sono alle scuole superiori, sia quando affrontano gli studi di Medicina e Chirurgia.

Infatti, per diventare medico forense, occorre ovviamente intraprendere il percorso di studi in Medicina e Chirurgia (può essere utile avere un background scientifico e quindi aver frequentato il liceo scientifico, ma non è necessario).




Dopo aver conseguito la Laurea in Medicina (dopo i 6 anni di corso), bisognerà iscriversi all’Albo dei Medici per poter iniziare ad esercitare la professione medica, previo superamento dell’esame di abilitazione.

Per diventare un medico forense, dopo la laurea bisognerà frequentare e concludere una Scuola di specializzazione in medicina legale, che ha una durata di altri 4 anni.

Le scuole di specializzazione

Le scuole di specializzazione si dividono normalmente in diversi indirizzi che si possono sintetizzare in:

  • medicina legale e delle assicurazioni
  • psicopatologia forense
  • tossicologia forense

L’obiettivo di queste scuole è quello di offrire conoscenze teoriche, scientifiche e professionali nel campo della medicina applicata alla ricognizione, definizione, accertamento, valutazione di diritti concernenti la tutela della salute, la libertà personale, l’accesso a fonti di erogazione economica o di servizio previsti nell’ambito dell’organizzazione di assistenza, previdenza, sicurezza sociale pubblica.

Per ottenere il titolo di Specialista Medico-Legale e l’abilitazione a tale professione, è necessario svolgere un periodo di praticantato della durata di un semestre presso policlinici universitari, presidi ospedalieri di aziende Asl, strutture ospedaliere, ambulatori medici convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale.

Una volta concluso il periodo di praticantato, il candidato dovrà sostenere una prova scritta. È così che si diventa medico forense: con tanto studio, passione e dedizione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.