Parrucchiera a domicilio, è legale?


Parrucchiera




Molte delle ragazze che frequentano la scuola da parrucchiere e prendono il diploma, riescono poi a trovare impiego presso qualche salone. Altre decidono di aprire un proprio negozio mentre altre ancora potrebbero decidere di svolgere questo lavoro a domicilio.

Quello della parrucchiera a domicilio è un lavoro gratificante e remunerativo che non implica il dover sostenere costi di apertura, mantenimento e gestione di un negozio.

Ma svolgere questa attività è legale?

L’attività di parrucchiera a domicilio è legale purché venga svolta con Partita IVA regolare. Stando alla Legge 174/2005, infatti, può essere svolta anche presso il domicilio dellesercente ovvero presso la sede designata dal cliente, nel rispetto dei criteri stabiliti dalle leggi e dai regolamenti regionali. 

La regolamentazione rispetto all’attività nella propria abitazione o presso il domicilio del cliente è rimessa al Comune in cui si intende svolgere la professione. Infatti quasi tutti i comuni d’Italia (o le regioni) hanno degli speciali regolamenti che si riferiscono al lavoro della parrucchiera a domicilio.




Quindi la prima cosa da fare è informarsi presso il Comune di appartenenza (ed in particolare allo Sportello unico attività produttive) per capire quale sia il regolamento a cui conformarsi. Un altro elemento importantissimo per svolgere il lavoro della parrucchiera a domicilio, oltre alla formazione e alla professionalità, è l’apertura della Partita IVA.

A questo proposito, si può come al solito scegliere fra:

  • regime forfettario
  • contabilità semplice

Il regime forfettario non obbliga alla tenuta delle scritture contabili e ha un limite di fatturato annuo di 65 mila euro. Inoltre, esonera dall’IVA in fattura e dalla ritenuta d’acconto e prevede una tassazione iniziale del 5% per i primi 5 anni per le start up e del 15% per le altre.

Il regime semplificato, invece, prevede la tenuta delle scritture contabili e l’IVA in fattura e, in linea di massima, maggiori adempimenti e maggiori tasse (a partire dall’aliquota del 23%).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.