Lavoro sommerso, come si può regolarizzare 


Lavoro sommerso




Il lavoro nero o lavoro sommerso è una pratica purtroppo sempre più diffusa in Italia e soprattutto nelle regioni del Sud (Campania e Calabria in primis). Va ricordato che il lavoro sommerso non solo è vietato dalla legge, ma che espone il datore di lavoro ad eventuali vertenze sindacali.

l lavoro sommerso comporta problemi sia per il datore di lavoro, per il lavoratore che per lo Stato

Il lavoro sommerso comporta problemi sia per il datore di lavoro, per il lavoratore che per lo Stato: infatti, i lavoratori impiegati, non essendo regolarmente assunti, non potranno beneficiare di tutte le tutele che spettano ai lavoratori assunti regolarmente né in futuro potranno ottenere una pensione giusta (perché per loro non vengono versati nemmeno i contributi all’INPS).

In più, è un danno per lo Stato perché non vengono pagate normalmente le tasse.

Per la regolarizzazione dal lavoro sommerso, il lavoratore si può rivolgere all’Ispettorato del lavoro competente per territorio o alla Guardia di finanza, che inizieranno le procedure di ispezione per valutare la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare. Al datore di lavoro che abbia impiegato uno o più lavoratori in nero, verranno applicate diverse sanzioni di tipo amministrativo mentre, sul piano civile, il lavoratore potrebbe richiedere a questi le differenze retributive, gli straordinari non pagati o il TFR.




Proprio per evitare queste situazioni incresciose

Proprio per evitare queste situazioni incresciose, nel Decreto Rilancio, che contiene tutte le disposizioni per il rilancio dell’Italia a seguito delle difficoltà verificatesi con il Coronavirus, l’articolo 110 bis prevede “L’emersione dei rapporti di lavoro” relativamente ai settori:

  • agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse;
  • assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia, anche se non conviventi;
  • lavoro domestico.

Il datore di lavoro può regolarizzare un rapporto di lavoro in nero con un cittadino italiano o straniero (autodenuncia) oppure richiedere la sottoscrizione di un rapporto di lavoro subordinato regolare. Allo stesso modo, il lavoratore straniero (già presente in Italia prima della data dell’8 marzo) con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019, può richiedere un permesso temporaneo di 6 mesi per cercare lavoro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.