Smart working, di cosa si tratta 


smart working




Da alcuni giorni, a seguito dell’emergenza Coronavirus, si sta sentendo spesso parlare di smart working, ovvero “lavoro agile”, una nuova forma di lavoro flessibile che si rende necessaria al fine di evitare spostamenti da parte dei dipendenti verso il luogo di lavoro. Lo smart working, disciplinato nella Legge 81/2017 è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato, in cui c’è assenza di vincoli di orari o spaziali; fra dipendente e datore di lavoro viene stabilita, in accordo tra le parti, un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi in modo che il lavoratore possa conciliare i tempi di vita con il lavoro.

Gli strumenti tecnologici

Il lavoratore può utilizzare, per svolgere la propria prestazione lavorativa, degli strumenti tecnologici che permettano di lavorare in remoto (come PC,  tablet e telefono). Ai lavoratori viene garantita parità di trattamento economico e normativo rispetto allo svolgere il lavoro con modalità ordinarie, prevedendo anche la tutela in caso di infortuni e malattie professionali, secondo quanto stabilito dall’INAIL.

A proposito della sicurezza, infatti, il datore di lavoro deve rendere ogni anno al lavoratore un’informativa sui rischi e possibili eventuali infortuni, nonché sugli accorgimenti da adottare al fine di preservare la privacy.

Lo smart working non è soltanto una modalità di esecuzione

Lo smart working non è soltanto una modalità di esecuzione della prestazione lavorativa che consente al lavoratore di generare efficienza ed efficacia nel raggiungimento dei risultati lavorativi tramite una combinazione di flessibilità, autonomia e collaborazione, ma anche un modo per le aziende di tagliare i costi (ad esempio quelli legati alle sedi aziendali e ai costi di gestione ad essi collegati).




Con l’emergenza del Coronavirus, il Presidente del Consiglio dei Ministri ha semplificato i provvedimenti per mettere in atto lo smart working, prevedendo che possa essere attivato anche senza accordo scritto e che l’informativa sulla sicurezza sul lavoro possa essere assolta anche tramite una semplice mail da parte del datore di lavoro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.