Tecnico antennista, quale regime fiscale adottare  


Tecnico antennista




L’antennista è un operaio specializzato nell’installare e riparare antenne televisive o radio, parabole satellitari e altri sistemi di telecomunicazione. Può svolgere il lavoro come dipendente oppure come libero professionista diventando titolare di un’impresa di installazione. I requisiti tecnici da possedere per svolgere questa professione sono:

  • aver conseguito un diploma in materie tecniche;
  • aver frequentato un corso professionalizzante rilasciante un attestato o un certificato che attesti le competenze possedute;
  • aver svolto apprendistato per 4 anni con un esperto nel settore. 

Tecnico antennista, possedere i requisiti tecnici è la prima cosa

Se si possiedono i requisiti tecnico professionali per svolgere l’attività da antennista in proprio, si potrà decidere di avviare la propria attività. 

A questo punto, bisognerà provvedere a soddisfare diversi requisiti burocratici:

  • iscriversi al registro delle imprese;
  • aprire la Partita IVA;
  • iscriversi presso l’albo degli artigiani.

Bisognerà applicare i codici Ateco in modo che l’Agenzia delle Entrate possa classificare le attività economiche svolte. In particolare, per la professione dell’antennista, bisognerà scegliere il codice Ateco più indicato fra questi in base all’attività svolta:




  • 21.01: installazione di impianti elettrici in edifici o in altre opere di costruzione (inclusa manutenzione e riparazione);
  • 21.02: installazione di impianti elettronici;
  • 21.03: installazione di impianti di illuminazione stradale e dispositivi elettrici di segnalazione, illuminazione delle piste degli aeroporti (inclusa manutenzione e riparazione).

L’antennista potrà decidere di adottare il regime forfettario

In questo caso, il coefficiente di redditività sarà dell’86% ed il limite di fatturato di 65.000 euro. L’antennista, alla stregua dell’elettricista, viene considerato un artigiano e dovrà iscriversi alla Gestione INPS nella sezione artigiani. Le aliquote contributive per il 2019 sono del 24% del reddito con delle eccezioni rappresentate da:

  • artigiani con più di 65 anni già pensionati;
  • artigiani con meno di 21 anni.

I primi, godranno di una riduzione del 50% dei contributi dovuti; i secondi possono godere di agevolazioni fiscali.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.