Giornalista pubblicista a Napoli, qual è l’iter da intraprendere


Giornalista pubblicista




Quando si decide di diventare giornalista, lo si può fare da professionista o da pubblicista. Mentre il giornalista professionista è colui che svolge in maniera esclusiva e continuativa la professione giornalistica, invece il giornalista pubblicista, oltre a svolgere l’attività giornalistica, svolge anche altre professioni.

L’iter per diventare giornalista pubblicista

Anche l’iter per l’iscrizione all’Albo dei giornalisti è differente poiché per diventare giornalista professionista, è necessario svolgere 18 mesi di pratica presso una redazione giornalistica oppure un biennio presso una scuola di giornalismo o ancora una scuola o un master di giornalismo (dopo aver conseguito la laurea9. Solo con uno di questi requisiti, si può sostenere l’esame abilitante per l’iscrizione all’albo dei giornalisti professionisti.

Per diventare giornalista pubblicista, invece, non è richiesto il superamento di alcun esame; tuttavia, è necessario aver svolto attività giornalistica retribuita e continuativa per almeno 24 mesi presso una o più testate giornalistiche, regolarmente registrate e dirette da una persona iscritta all’Albo dei giornalisti. Le norme per diventare giornalisti pubblicisti variano da regione a regione ed in particolare con riferimento alla documentazione da presentare, al numero di articoli e alla retribuzione.

Se si vuole diventare giornalista pubblicista a Napoli, ci si deve rifare a quanto previsto dalla regione Campania.

I documenti richiesti sono:




  • domanda di iscrizione con marca da bollo da 16 euro al Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Campania con le generalità complete, la testata giornalistica e il biennio;
  • dichiarazione del direttore responsabile;
  • elenco firmato dal direttore su carta intestata con almeno 70 articoli firmati o siglati compresi nell’ultimo biennio;
  • articoli in originale o in fotocopia, videocassette, CD o DVD;
  • copia delle ricevute di tutti i compensi giornalistici percepiti nel biennio;
  • autocertificazione di nascita, residenza, cittadinanza e titolo di studio;
  • certificati: carichi pendenti, casellario giudiziario;

versamento di 50 euro al momento di presentazione dell’istanza (dopo l’approvazione dell’istanza, infatti, bisognerà effettuare altri versamenti).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.