Sviluppatore di app, una qualifica da inserire nel curriculum


Sviluppatore di app




Il settore delle ICT (Information and Communication Technology) cioè delle Tecnologie dell’informazione e della Comunicazione è quello che sta creando sempre più posti di lavoro. Per questo, soprattutto i più giovani, possono investire nella formazione in questo settore: un esempio sono è lo sviluppatore di app, una figura professionale sempre più ricercata sia dalle aziende sia dai committenti che vogliono ottenere delle applicazioni (che verranno poi scaricate e acquistate dagli utenti con i propri smartphone o tablet).

Sviluppatore di app, di cosa si occupa

Infatti, uno sviluppatore di app si occupa proprio della sviluppo, della creazione e poi della pubblicazione e promozione di un’applicazione sugli store per iOS e Android. Quella di saper sviluppare un’applicazione è una qualifica da inserire nel curriculum quando si vuole seguire la strada di lavorare in un settore così attuale come quello digitale e della tecnologia.

Per poter diventare un professionista nel mondo digitale ed in particolare in quello dello sviluppo delle applicazioni, è necessario formarsi adeguatamente: uno sviluppatore di app deve conoscere ovviamente i linguaggi di programmazione (e queste conoscenze possono essere apprese anche all’Università durante i corsi di Informatica o di Ingegneria informatica) però deve anche possedere altre competenze.

Le altre competenze

Le altre competenze possono essere potenziate tramite degli appositi corsi specialistici in App development: si fa riferimento, ad esempio, agli strumenti per lo sviluppo delle applicazioni e alle metodologie per pubblicare e promuovere le applicazioni sugli store, alla luce anche dell’analisi di mercato e delle applicazioni concorrenti.




L’aggiornamento è fondamentale e può essere fatto leggendo notizie o novità su Internet o partecipando ad incontri del settore. Infatti, bisognerà aggiornarsi sui nuovi device in commercio oltre che sugli aggiornamenti dei Sistemi Operativi iOS e Android.

E’ fondamentale investire in queste competenze (e inserirle nel curriculum) perché si stima che nei prossimi anni la richiesta di sviluppatori di app incrementerà di almeno il 20%.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.