I lavori sul web più pagati, quali sono e chi li fa


I lavori sul web più pagati, quali sono e chi li fa




Ogni persona che inizia a pensare di lavorare online non può che pensare al guadagno che potrebbe portare l’attività. Ovviamente non bisogna guardare a quei guadagni stratosferici che ci sono in giro per la rete in quanto quelli sono frutto di studio, spesso fortuna e trovarsi al momento giusto nel osto giusto. Tra i lavori del web più pagati troviamo di sicuro quello dei fashion blogger, gli influencer e anche gli Youtubers.  Tra i fashion blogger più famosi possiamo trovare il nome di Chiara Ferragni che è famosa anche per il suo recente matrimonio con il rapper Fedez. La bellissima Chiara nel 2014 con il suo blog e le sue collaborazioni ha fatturato circa 8 milioni di euro. Ma come detto anche in altri articoli anche alcuni blog se fatti in un determinato modo possono portare a dei guadagni ottimi.

I lavori strapagati

Come abbiamo detto uno dei lavori che in questo momento di sicuro sta riscuotendo un enorme successo è quello dell’influencer che stando ad alcune stime può essere molto remunerativo se si hanno determinate caratteristiche e competenze. Ad esempio alcuni influencer fatturano oltre 10 milioni di euro ogni anni grazie alle aziende che investono in pubblicità online e specialmente sui social del momento. Ma online possiamo trovare alcuni blog di economia e finanza che guadagnano cifre a quattro zeri ogni mese che fanno informazione e che possiamo dire rendono un servizio al lettore.

E gli Youtubers?

Non per ultimi il fenomeno del momento, coloro che hanno fatto il centro della propria attività il video, parliamo degli youtubers. Ne abbiamo conosciuti moltissimi negli ultimi anni, da chi giocava online e si riprendeva, a chi invece cantava proponendo la sua musica online e chi invece… non faceva niente ma aveva successo ugualmente, questo è il bello e il brutto della rete. Li abbiamo poi visti in azione in tv con programmi e qualcuno anche al cinema. Che sia un bene o un male non sta a noi giudicarlo, senza dubbio è che il rischio che si corre è che ci siano sempre più persone che non hanno una vera e propria formazione ma che viaggia solamente con la forza dei numeri.

 







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.