Garanzia giovani, nuovi corsi di formazione ecco come funziona


Garanzia giovani, nuovi corsi di formazione ecco come funziona




Lo stato ha attivato la cosiddetta garanzia giovani, un programma attuato per fronteggiare la disoccupazione giovanile. Nello specifico, si tratta di far acquisire, a tutti quei giovani che non studiano e non lavorano, le giuste competenze e conoscenze per entrare e partecipare al mondo del lavoro, nel migliore dei modi.

Più precisamente, il progetto garanzia giovani comprende la ricezione, da parte di colui che si iscrive, di un impiego stabile, un contratto di apprendistato o stage ma anche una serie di corsi di formazione rivolti, come dicevamo prima, ai giovani che non studiano e non lavorano e che hanno un’età compresa tra i 16 ed i 29 anni. Oltre ad i requisiti sopraelencati, per aderire a “garanzia giovani” sarà necessario essere residenti in Italia, oppure cittadini europei o stranieri (cioè con cittadinanza extra UE), purché si possegga un permesso di residenza o di soggiorno.

Garanzia Giovani, come funziona

Come specificato prima, affinché si possa godere a pieno dei benefici del progetto garanzia giovani
sarà necessario avere tra i 16 ed i 29 anni di età. Questo significa che se, al momento dell’iscrizione, si
hanno 29 anni e dopo pochi mesi se ne compiono 30, si continuerà, in ogni caso, a godere dei diritti e
dei benefici spettanti per aver aderito a questo progetto innovativo. Fondamentale è, quindi, che al
momento dell’iscrizione si abbia un età inferiore ai 30 e superiore o uguale a 16.

Per quanto riguarda il bonus garanzia giovani del 2018 si può correttamente affermare che esso
consiste in una serie di agevolazioni ed incentivi economici per le imprese che assumono i giovani che hanno una determinata età (vedi sopra). Per esempio, se un’azienda assume, a tempo indeterminato, un giovane (che ha i requisiti elencati precedentemente) avrà un incentivo economico pari a 8.060 euro in un anno.




Di notevole rilevanza è il fondo, sempre inerente al programma garanzia giovani ed istituito dal
Ministero del Lavoro, denominato “SELFIEmployment”: 114 milioni di euro in totale, stanziati nel solo
2016, destinati a progetti di autoimprenditorialità giovanile.

 



Загрузка...

1 Trackback / Pingback

  1. Corsi di formazione per il mondo del lavoro, quelli da fare nel 2018

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.