Concorso in Polizia per allievi Agenti, il bando è online!


Concorso in Polizia per allievi Agenti, il bando è online!




E’ appena stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale numero 40 del 26 maggio 2017 il bando per la partecipazione al mega concorso in Polizia. Si tratta di una ghiotta opportunità per chi è interessato ad entrare nelle forze dell’ Ordine, molti dei posti sono infatti aperti a qualsiasi cittadino italiano in possesso di licenza media. C’è tempo fino al 26 giugno per presentare le domande. Quali sono i requisiti richiesti? Come inviare la domanda? In quanto tempo si diventa poliziotto? Di seguito troverete tutte le risposte ai vostri quesiti, iniziamo subito.

Quali sono le caratteristiche richieste per la partecipazione

  • cittadinanza italiana
  • godimento dei diritti civili e politici
  • non si deve essere stato espulso dalle Forze armate e oda Corpi militarmente organizzati
  • aver compiuto 18 anni alla data di svolgimento del concorso e non aver superato i 30 anni (in quest’ultimo caso si può elevare il limite di 3 anni se si è svolto il servizio militare)
  • licenza di scuola media inferiore, ex terza media
  • non aver a proprio carico condanne penali, procedimenti penali o
    aver subito l’applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione
  • idoneità fisica, attitudinale e psichica

Quanti posti ci sono a disposizione

in totale ci sono 1148 posti per allievi agenti, di cui 893 per tutti i cittadini italiani, 179 per i volontari in ferma prefissata VFP1, 76 posti per i volontari in ferma prefissata in congedo.

Come presentare la domanda per diventare poliziotto

si invia tutto attraverso Internet, non bisogna recarsi in nessuna caserma o commissariato. Il sito di riferimento è questo: https://concorsips.interno.it. Basta registrarsi e seguire le istruzioni indicando, oltre ai dati personali, una lingua straniera tra francese ed inglese su cui sostenere parte dell’ esame.




Una volta inviata la domanda deve essere stampata la ricevuta che andrà presentata il giorno della convocazione per le prime prove del concorso. La domanda, una colta inviata, può anche essere modificata.

Come ci si prepara al concorso e le prove da effettuare

diverse sono le prove da effettuare per il concorso. Si parte con una serie di esami scritti con risposta a domanda multipla. Si tratta di domande di cultura generale e relative al programma scolastico delle scuole medie inferiori, di lingua (inglese o francese in base alla scelta in domanda) e di informatica. E’ bene arrivare preparati agli esami. In tal senso esiste su Internet una piattaforma per lo studio e l’esercitazione veramente ben fatta che vi consigliamo di provare: concorsopolizia.com

La data ed il luogo delle prove saranno pubblicate in Gazzetta Ufficiale del 7 luglio. All’ esame è vietato portare appunti, penne, libri, matite ed è ovviamente proibito copiare e comunicare con gli altri candidati, pena l’esclusione dal concorso. Verrà assegnato un punteggio in base alle risposte date e tutti i candidati passeranno l’esame se supereranno sei decimi.

Ovviamente verrà stilata una graduatoria in base al punteggio e potranno accedere alle prove attitudinali, fisiche e psichiche coloro che rientreranno nelle liste in base alla quantità di posti disponibili. Le liste dei convocati saranno pubblicate sul sito della Polizia di Stato il 25 settembre 2017, tale lista avrà valore di notifica.

Queste le prove fisiche da superare:

  • corsa 1000 metri tempo minimo per gli uomini 3 minuti e 55 secondi, per le donne 4 minuti e 55 secondi
  • salto in alto per gli uomini 1,20 metri per le donne 1 metro, massimo 3 tentativi
  • 5 sollevamenti alla sbarra per gli uomini, 2 per le donne con un massimo di tempo per effettuarli di 2 minuti

Se non si supera soltanto una delle prove si è fuori dal concorso.

Successivamente si arriva ai test medici, è richiesta una sana e robusta costituzione piú una serie di caratteristiche, tra cui una buona vista e una forza muscolare non inferiore ai 40 kq tra gli uomini e ai 20 Kg per le donne. Dopodichè si passa ai test attitudinali che riguardano l’attività che si andrà a svolgere, quindi quella di agente di polizia.

Superata tutta la trafila viene stilata la graduatoria definitiva. Il Ministero dell’ Interno potrà chiamare di volta in volta i candidati che inizieranno il periodo di formazione alla “scuola di Polizia” e verranno poi inseriti nei vari commissariati italiani in base alle esigenze richieste. I commissariati non potranno essere quelli del comune di residenza e nemmeno quelli dei luoghi limitrofi. Almeno all’ inizio dimenticatevi di prestare servizio nella vostra città.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.