Licenziamento illegittimo, come impugnarlo?


Licenziamento illegittimo, come impugnarlo?




Il licenziamento illegittimo è quello per cui un datore di lavoro licenzia un lavoratore senza che ci sia una giusta causa o un giustificato motivo oggettivo o soggettivo.  In questi casi, il lavoratore viene “protetto” da particolari tutele previste dalla legge che, dopo l’entrata in vigore del Decreto Legislativo 23 del 2015, sono differenti a seconda che la persona licenziata sia stata assunta prima del 7 marzo 2015 o dopo e che possono andare dal reintegro del lavoratore nel suo posto di lavoro oppure un indennizzo economico.

Impugnare il licenziamento illegittimo

Se il lavoratore illegittimamente licenziato vuole impugnare il licenziamento deve farlo entro dei termini stabiliti altrimenti il suo diritto decade. Lo può fare entro 60 giorni dal ricevimento della lettera di licenziamento e, entro i 180 giorni successivi il ricorso deve essere depositato presso la cancelleria del Tribunale. Con la Legge Fornero numero 92 del 2012, in particolare, sono stati stabiliti i tempi e le modalità con cui un lavoratore possa impugnare un licenziamento illegittimo. La prima fase è quella stragiudiziale per cui il lavoratore deve impugnare in forma scritta (raccomandata) il licenziamento entro 60 giorni dalla comunicazione della cessazione del rapporto di lavoro.

Può impugnarlo sia il lavoratore sia il suo legale purché ci sia la firma dell’interessato

Superato questo termine, non avrà più diritto ad impugnare il licenziamento. Comunque, dopo questa
prima fase, c’è quella giudiziale cioè presso il giudice per richiedere il reintegro nel posto di lavoro
oppure il licenziamento. Anche questa fase ha un termine di 180 giorni dalla data di impugnazione
stragiudiziale. La fase giudiziale prevede che ci sia appunto il deposito del ricorso presso il Tribunale del
territorio competente.

Nei 40 giorni successivi, il giudice fissa l’udienza e il lavoratore deve, almeno 25 giorni prima da questa,
comunicare al datore di lavoro questa data così che questi possa provare i motivi che lo hanno spinto a
licenziare il lavoratore.




Il giudice, quindi, può decidere se accogliere o rigettare la domanda.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.