Disoccupazione agricola la domanda entro il 31 marzo


Disoccupazione agricola la domanda entro il 31 marzo




La disoccupazione agricola è uno strumento di sostegno del reddito che spetta agli operai del settore agricolo quando perdono il loro lavoro è quindi importante come si richiede la disoccupazione agricola e soprattutto quando va fatto. Questa indennità spetta dunque a:

  • operai da lavoro agricolo a tempo indeterminato o a tempo determinato;
  • piccoli coloni;
  • compartecipanti familiari;
  • piccoli coltivatori diretti che hanno versato volontariamente fino a 51 giornate di iscrizione negli elenchi nominativi agricoli;
  • operai agricoli a tempo indeterminato che lavorano solo per un certo periodo dell’anno;
  • lavoratori agricoli che si dimettono per giusta causa.

Disoccupazione agricola, domanda entro il 31 marzo

Per il 2019, la domanda di disoccupazione agricola dovrà essere presentata entro il 31 marzo 2019 in via telematica con il proprio SPID o PIN INPS oppure telefonando il numero verde dell’INPS o ancora tramite CAF e Patronati.

I requisiti INPS per poter aver diritto alla disoccupazione agricola sono:

  • iscrizione agli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli dipendenti a tempo determinato (nel caso la domanda sia presentata nel corso dell’anno oppure faccia riferimento ad un rapporto di lavoro agricolo a tempo indeterminato che si è avuto per una certa parte dell’anno);
  • aver versato almeno due anni di contributi NASPI;
  • aver versato almeno 102 contributi giornalieri nei due anni precedenti l’invio della domanda;
  • essere in stato di disoccupazione.

Quando e come viene pagata

La disoccupazione agricola consiste in un’indennità che viene pagata in un’unica soluzione dall’INPS che ha un importo che cambia in base al numero delle giornate lavorate e agli importi di retribuzione, quindi sarà:




  • calcolata in base alle giornate lavorate (massimo 365 giornate all’anno) dal quale si devono detrarre le giornate di lavoro dipendente agricolo o non agricolo, le giornate di lavoro in proprio oppure le giornate di malattia, maternità o infortunio;
  • pari al 40% della retribuzione per tutte le giornate lavorate con una trattenuta del 9% per ogni giornata in cui l’indennità di disoccupazione è stata pagata (la trattenuta viene fatta per massimo 150 giorni);
  • pari al 30% della retribuzione effettiva per gli operai agricoli a tempo indeterminato.




1 Trackback / Pingback

  1. Pagamento Naspi marzo 2019, in quale giorno sarà pagata?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.