Cake design, società o freelance?


Cake design, società o freelance?




Il cake design sta spopolando come nuova tendenza della pasticceria: si tratta di decorare le torte in maniera creativa e fantasiosa con la pasta di zucchero, un composto fatto di albume d’uovo e zucchero.

Per diventare un cake designer professionista, non occorre necessariamente essere un pasticcere di professione ma ci sono dei veri e propri corsi formativi che servono per imparare le tecniche per lavorare la pasta di zucchero, fare pratica nel creare i vari decori ed imparare ad utilizzare i vari attrezzi del mestiere.

Dopo una formazione adeguata (e aggiornamenti costanti che permettano di perfezionarsi sempre di più), gli sbocchi professionali sono tanti:

  • lavorare in pasticcerie o laboratori di altri;
  • aprire il proprio laboratorio (prendendo in affitto un locale oppure acquistandolo);
  • diventare cake designer freelance, realizzando le proprie torte a domicilio.

In ogni caso, è necessario essere professionali non solo nella realizzazione dei dolci ma anche e soprattutto dal punto di vista degli adempimenti legislativi e igienico-sanitari.




Infatti, la legge vieta di poter preparare torte destinate alla vendita in casa propria e, per questo, ci sono degli iter burocratici da seguire sia se si voglia aprire un proprio laboratorio (e, eventualmente mettersi in società con altri soci) sia nel caso si voglia essere un cake designer freelance.

Nel caso di apertura di un proprio laboratorio, bisogna considerare l’investimento iniziale e se si tratterà di una ditta individuale oppure di una società.

In questo caso i costi da considerare sono:

  • del locale e di gestione di questo;
  • delle utenze;
  • dell’attrezzatura;
  • degli adempimenti burocratici e igienico-sanitari.

Ricordiamo, infatti, che è obbligatorio possedere l’HACCP e l’apertura della Partita IVA nonché l’iscrizione alla Camera di Commercio.

Per il cake designer a domicilio, invece, l’iter è:

  • superare il corso di HACCP;
  • aprire la Partita IVA e iscriversi alla Camera di Commercio;
  • ottenere l’autorizzazione sanitaria per l’attrezzatura.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.