Cooperativa, si possono assumere dipendenti?


Cooperativa, si possono assumere dipendenti




La cooperativa è un tipo di società a capitale variabile e con scopo mutualistico: quello di concedere ai propri soci beni, servizi e lavoro a condizioni più vantaggiose di quelle offerte sul mercato.

Esistono diversi tipi di cooperative, a seconda dell’attività svolta:

  • agricole o di pesca: si occupano della coltivazione e della pesca;
  • culturali, turistiche e sportive: gestiscono e promuovono attività culturali, servizi turistici o impianti sportivi;
  • di consumo: cooperative di soci consumatori che, ad esempio, acquistando grandi quantità di ben di consumo, hanno un prezzo ridotto;
  • di credito: i soci risparmiano nella gestione del credito;
  • di produzione e lavoro: si occupano della produzione di beni e i soci sono sia imprenditori che lavoratori;
  • di servizi: soci lavoratori che forniscono servizi di vario tipo;
  • sociali: i soci hanno possibilità di lavoro ma la cooperativa ha anche uno scopo mutualistico esterno di promuovere attività solidali nei confronti della collettività o del territorio in cui agiscono;
  • edilizie: la loro finalità è costruire abitazioni per i propri soci.

Per le cooperative sociali sono previste delle agevolazioni

Per le cooperative sociali sono previste delle agevolazioni nel caso di assunzioni di persone svantaggiate come invalidi fisici o psichici, soggetti che stanno seguendo un trattamento psichiatrico, tossicodipendenti, alcolisti, minori in età lavorativa che vivano una situazione familiare difficile, persone detenute o internate e così via. Devono costituire almeno il 30% dei lavoratori della cooperativa ed essere soci della cooperativa.

L’agevolazione per la cooperativa prevede che le retribuzioni per le persone svantaggiate siano esentate dal pagamento dei contributi previdenziali. La legge di bilancio 2018 ha previsto delle agevolazioni anche nel caso di assunzioni di donne che hanno subito violenza o di rifugiati politici.

Alla cooperativa è spettato un bonus contributivo per un massimo di 36 mesi per i contratti stipulati entro il 31 dicembre 2018 (nel caso di assunzioni di donne). Mentre, nel caso di assunzioni di rifugiato titolari di protezione internazionale, il bonus è sempre di 36 mesi, per i contratti a tempo indeterminato stipulati dalla fine del 2017 e fino alla fine del 2018.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.