Cooperativa, come funziona il lavoro al suo interno


Cooperativa, come funziona il lavoro al suo interno




La cooperativa è una società con scopo mutualistico, nata per dare ai suoi soci beni, servizi o lavoro a condizioni più vantaggiose di quelle che troverebbero sul mercato. Il socio di una cooperativa che lavora all’interno di questa si chiama “socio lavoratore”: questi è, infatti, sia membro della società sia lavoratore.

Società cooperativa, cosa fa il socio

Il socio mette a disposizione della cooperativa la propria capacità professionale e, a differenza di un lavoratore subordinato, ha anche un ruolo attivo nella gestione della cooperativa, perché partecipa:

  • all’ organizzazione della cooperativa;
  • alla formazione degli organi sociali;
  • alla distribuzione degli utili.

E’ possibile che la cooperativa preveda di svolgere la propria attività anche con terzi: si tratta, in questo caso, di dipendenti assunti con normale contratto che, a differenza dei soci lavoratori, non sono soci ma solo lavoratori. In passato, era previsto che il socio avesse diritto a ricevere gli utili della società ma anche a far fronte alle eventuali perdite di questa, nel caso le spese fossero maggiori delle entrate.

Come funziona la retribuzione

Il socio lavoratore, inoltre, non aveva diritto ad una normale retribuzione ma ad una parte degli utili realizzati. In pratica, il socio lavoratore non aveva gli stessi diritti di un lavoratore subordinato.




In seguito, con la legge 142 del 2001, al socio lavoratore è stata attribuita una doppia posizione:

  • quella di socio della cooperativa;
  • quella di lavoratore (al quale si applicano le norme del diritto del lavoro).

Il rapporto di lavoro del socio lavoratore può essere di tipo subordinato, parasubordinato o autonomo. Nel caso di socio lavoratore subordinato di una cooperativa, questi deve ricevere una retribuzione non inferiore ai minimi stabiliti dai contratti collettivi di settore o dalle categorie affini.

Qualora si perdesse la qualifica di socio (per esclusione o recesso personale) si perderebbe anche la qualifica di lavoratore. Il socio lavoratore autonomo di una cooperativa ha diritto, invece, ad una retribuzione calcolata in base ai compensi medi per prestazioni analoghe rese in forma di lavoro autonomo.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.