Cooperativa e legge 104 come funziona


cooperativa




La legge 104 (104/92) prevede delle agevolazioni per i lavoratori affetti da disabilità grave e per i familiari che si prendono cura di una persona con grave handicap. Tale legge prevede anche dei permessi di lavoro retribuiti che possono essere richiesti dal lavoratore pubblico o privato.

Legge 104, valida anche in caso di socio lavoratore in cooperativa

A richiedere i benefici della legge 104 possono essere una persona disabile oppure i suoi parenti, in particolare:

  • genitori lavoratori dipendenti;
  • coniuge lavoratore o lavoratrice dipendente;
  • parenti o affini entro il II grado lavoratori dipendenti (figli, nonni, nipoti, fratelli, suoceri, generi, nuore, cognate);
  • parenti o affini entro il III grado lavoratori dipendenti (zii, nipoti, bisnonni, bisnipoti nel caso in cui il genitore o il coniuge abbia più di 65 anni o nel caso di decesso o patologie degli altri soggetti indicati sopra).

Questi permessi prevedono 3 giorni di riposo al mese (anche frazionabili in ore) o riposi giornalieri di una o due ore.

Nel caso di socio lavoratore di una cooperativa (cioè quel soggetto che ricopre sia il ruolo di socio della cooperativa sia il ruolo di lavoratore all’interno di questa), valgono le stesse disposizioni previste per gli altri lavoratori.




Quindi, i requisiti per poter beneficiare della legge 104 sono quelli di:

  • essere lavoratori dipendenti;
  • assistere una persona con disabilità grave;
  • assistere una persona che non sia ricoverata a tempo pieno.

Per poter beneficiare delle agevolazioni della legge 104, anche nel caso di un socio di cooperativa, è necessario che venga accertata l’invalidità civile e lo stato di disabilità.

Quindi, il paziente dovrà recarsi da un medico accreditato INPS che, dopo la visita, invierà in via telematica un certificato all’INPS e rilascerà al paziente un certificato medico cartaceo e la ricevuta di trasmissione del certificato telematico all’INPS.

Sarà poi premura del paziente quella di inviare la domanda vera e propria all’INPS. Sceglierà una data in cui verrà fatta la visita di accertamento della condizione fisica del paziente da parte dell’INPS. Dal giorno dell’accertamento, si può fruire dei benefici previsti dalla legge.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.