Riscatto di laurea dove va richiesto


Riscatto di laurea dove va richiesto




Quando siamo vicini alla pensione, ogni giorno che passa sembra durare un’eternità, c’è da sapere che gli anni passati a studiare non sono persi infatti è possibile richiedere il riscatto di laurea che ci permetterà di decurtare gli anni passati sui libri. Come va richiesto ma soprattutto che cos’è il riscatto di laurea? Per poter richiedere il riscatto degli anni della laurea è necessario che vengano soddisfatte queste condizioni:

  • il titolo di studio sia stato effettivamente conseguito;
  • il lavoratore che lo richiede sia iscritto alla gestione INPS;
  • il lavoratore non abbia versato contributi durante gli studi universitari.
  • Può essere chiesto anche da chi è in pensione o è disoccupato.

Riscatto di laurea: l’onere del riscatto

Per poter riscattare gli anni della laurea è necessario pagare l’onere del riscatto che, a seconda del calcolo, può essere anche abbastanza costoso. In linea di massima, prima si chiede il riscatto, meglio è in termini economici : infatti, l’onere del riscatto è proporzionale allo stipendio che si percepisce (delle agevolazioni sono previste soltanto per i soggetti richiedenti Under 45).

In ogni caso, il cittadino che voglia procedere con il riscatto degli anni della laurea, deve presentare domanda telematica all’INPS. Per farlo, bisogna accedere al servizio dedicato sul sito dell’INPS (Servizi online) tramite il proprio PIN oppure rivolgendosi al proprio CAF.

Il cittadino potrà scegliere fra diverse funzioni:

  • consultare le informazioni generali sul riscatto di laurea;
  • accedere alla sezione relativa al “Riscatto di Laurea Inoccupati” (questa funzione è abilitata solo per i soggetti che vengono identificati dal sistema come tali);
  • accedere alla sezione relativa al “Riscatto di Laurea Occupati” (questa funzione è abilitata solo per i soggetti che vengono identificati dal sistema come tali);
  • procedere alla stampa dei bollettini MAV relativi ai pagamenti da effettuare.

A proposito del pagamento dell’onere di riscatto, può essere fatto:

  • utilizzando il bollettino MAV e pagandolo in banca (senza commissioni aggiuntive) o nell’ufficio postale (con addebito di commissioni);
  • direttamente online sul sito INPS nella sezione “Servizi online – Per tipologia di utente – Cittadino – Pagamento contributi riscatti ricongiunzioni e rendite”, utilizzando la propria carta di credito.

Il pagamento può avvenire in un’unica soluzione oppure in 120 rate in 10 anni, senza interessi.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.