Regime forfettario e freelance cosa significa


Regime forfettario




Oggi si sente molto questa parola, in molti la utilizzano qualcuno la sbaglia ma senza dubbio sono molti i giovani che hanno deciso di prendere in mano la propria vita e lavorare come freelance per conto proprio. Quando si parla di freelance ci si riferisce ad un soggetto che effettua un’attività simile a quella del libero professionista (alcuni esempi sono i grafici, gli articolisti copywriter, i fotografici, i social media manager e così via).

Aprire la partita iva per un freelance con il regime forfettario

Spesso un freelance è “costretto” ad aprire una Partita IVA per continuare a lavorare, perché sempre più imprese la richiedono. Per questi soggetti, la preoccupazione è che, con l’apertura della Partita IVA, debbano pagare molti soldi al fisco.

In realtà, chi è titolare di una Partita IVA può, con il regime forfettario, godere di un’imposizione fiscale agevolata. Il regime forfettario è, appunto, un regime fiscale agevolato entrato in vigore il primo gennaio 2015 che presenta, in effetti, diversi vantaggi per un freelance:

  • l’esenzione dall’IVA, quindi nelle fatture non sarà necessario aggiungere l’IVA ai propri compensi;
  • l’esenzione dalla ritenuta d’acconto;
  • agevolazioni con tasse più basse (la tassazione IRPEF è pari al 5% per i primi 5 anni e al 15% dal sesto anno in poi);
  • l’esenzione da IRAP.

Quanto costa aprire una partita iva?

Inoltre, per prima cosa, aprire la Partita IVA per un freelance è gratuito: sarà necessario recarsi all’Agenzia delle Entrate e compilare tutti i campi del modello AA9/12. Poi, bisognerà specificare il regime fiscale scelto e il codice ATECO (che rappresenta la propria attività economica).




Con il regime forfettario, infatti, ad ogni attività viene assegnato un coefficiente di redditività, cioè una percentuale fissa che indica la redditività di un’attività. Una volta moltiplicato questo coefficiente di redditività per il fatturato, si avrà la base imponibile su cui applicare l’aliquota dell’imposta sostitutiva e dei contributi previdenziali.

Ovviamente, il regime forfettario comporta degli obblighi:

  1. il freelance non deve superare il fatturato lordo di 30000 euro annui;
  2. l’anno precedente, il freelance non deve aver fatturato o aver ricevuto compensi da lavoratore dipendente superiori a 30000 euro;
  3. il freelance non deve possedere quote o essere amministratore di una società.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.