Riscatto di laurea a cosa serve


Riscatto di laurea a cosa serve




Che cos’è il riscatto di laurea e a cosa serve? Riscattare la laurea consente di convertire gli anni di studio in anni utili per la propria anzianità contributiva. Si tratta di una misura conveniente da valutare per chiunque voglia andare in pensione con qualche anno d’anticipo.

Tuttavia, bisogna considerare l’onere del riscatto cioè il costo da pagare per poter procedere al riscatto degli anni della laurea.

Riscatto di laurea i requisiti

Il requisito fondamentale è che il diploma di laurea sia stato effettivamente conseguito e i titoli riconosciuti sono:

  • diplomi universitari (di durata non inferiore ai 2 anni e non superiore ai 3);
  • diplomi di laurea considerati del Vecchio Ordinamento o del Nuovo (laurea magistrali e specialistiche);
  • diplomi di specializzazione;
  • dottorati di ricerca;
  • diplomi rilasciati da Istituti di Alta Formazione Artistica e Musica (corsi attivati dall’accademico 2005/2006).

Ovviamente, non rientrano nel computo degli anni utili ai fini del riscatto della laurea quelli di “fuori corso”.




Il riscatto della laurea deve essere richiesto per via telematica all’INPS, accedendo alla sezione dedicata ai servizi online tramite il proprio PIN. L’onere del riscatto aumenta in maniera proporzionale rispetto al reddito, quindi in linea di massima, è meglio muoversi in fretta se si è decisi a richiedere il riscatto. L’importo può essere corrisposto in un’unica soluzione oppure in 120 rate mensili tramite MAV o addebito sul proprio conto corrente.

Se non viene pagato l’importo della soluzione unica oppure la prima rata, l’INPS interpreterà questo come una rinuncia alla domanda.

Tuttavia, sarà possibile ripresentare la domanda in futuro.

Nel caso delle rate successive alla prima, un ritardo nel pagamento non superiore ai 30 giorni può essere fatto non più di 5 volte. Se il pagamento viene sospeso ma si è già versata qualche rata, al soggetto verrà accreditato solo il periodo corrispondente a quanto ha pagato. In ogni caso, non può mai essere richiesta la restituzione di quanto è stato pagato.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.