Legge 104, come funzionano i controlli


Legge 104, come funzionano i controlli




La Legge 104 del 5 febbraio 1992 dispone le norme per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone diversamente abili. La Legge prevede dei permessi di lavoro retribuiti per i lavoratori portatori di handicap grave o per i soggetti che li assistono: si possono richiedere due ore di permesso giornaliero o tre giorni di permesso mensile.

Legge 104, tre giorni al mese di permesso

Tre giorni di permesso possono essere richiesti anche da chi assiste un portatore di handicap, purché sia:

  • il coniuge o convivente;
  • un parente o affine entro il secondo grado;
  • un parente o affine entro il terzo grado (se il genitore o il coniuge della persona disabile siano morti o invalidi o abbiano compiuto 65 anni).

Ovviamente questi permessi devono essere usati correttamente poiché, in caso contrario, il datore di lavoro può licenziare il dipendente.

I permessi, infatti, servono per assistere un parente disabile, anche quando dorme: in questo caso, il lavoratore non può uscire con gli amici, poiché sarebbe un comportamento scorretto. Chi approfitta dei permessi retribuiti per motivi personali o proprie esigenze (come ad esempio, per fare una gita o andare all’estero) può essere perseguito penalmente per la sua condotta scorretta nei confronti del datore di lavoro, dello Stato e dell’INPS.




La Legge prevede che i controlli al soggetto che ha richiesto il permesso possano essere fatti da:

  • datore di lavoro, che può rivolgersi ad un investigatore privato che controlla ciò che il lavoratore fa nel periodo del permesso.

Nel caso venga rilevato un illecito, il datore di lavoro può rivolgersi ai Carabinieri e denunciare il dipendente.

  • INPS, che, nel caso di condotta scorretta del lavoratore, può segnalarlo alla Procura della Repubblica.

Anche un collega di lavoro, nel caso sia a conoscenza della condotta scorretta di un lavoratore che ha richiesto un permesso, può denunciare il fatto alle Forze dell’ordine.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.