Legge 104 per malati oncologici, come richiederla


Legge 104 per malati oncologici, come richiederla




La Legge 104 del 1992 disciplina le agevolazioni riconosciute ai lavoratori affetti da disabilità grave e a coloro che assistono la persona portatrice di handicap. I malati oncologici possono beneficiare di alcune agevolazioni economiche, assistenziali e previdenziali, se viene riconosciuta loro l’invalidità civile e lo stato di handicap.

La prassi per le legge 104 per chi ha un tumore

Il malato oncologico, dopo la diagnosi, può fare domanda di invalidità civile rivolgendosi ad un medico abilitato dall’INPS.

Il medico, dopo la diagnosi, invierà all’INPS per via telematica, un certificato medico e ne rilascerà un altro cartaceo al paziente insieme alla ricevuta di trasmissione all’INPS del certificato per via telematica. Entro trenta giorni dall’invio telematico del certificato all’INPS, il paziente dovrà presentare domanda di invalidità all’INPS o tramite il sito dell’INPS accedendo con il proprio PIN personale oppure rivolgendosi ad un Patronato.

Al termine della procedura, si potrà scegliere fra le date disponibili per la visita di accertamento: per i malati oncologici questa visita verrà fatta entro quindici giorni dalla presentazione della domanda.




Dopo la visita, si avrà già diritto ai benefici.

Al malato oncologico o a colui che lo assiste, spettano dei permessi di lavoro retribuiti:

  • per il lavoratore, due ore al giorno o tre giorni al mese;
  • per chi lo assiste, tre giorni al mese, purché il disabile non sia ricoverato.

E’ sufficiente presentare domanda all’ente di previdenza dove si versano i contributi.

Il malato oncologico e in alcuni casi anche chi lo assiste, possono richiedere anche:

  • un congedo retribuito di trenta giorni all’anno (che spetta per le cure al malato oncologico che abbia un’invalidità civile superiore al 50%;
  • un congedo straordinario biennale retribuito (che spetta al coniuge o, in alcune condizioni, ad altri parenti del malato oncologico);
  • un congedo biennale non retribuito per gravi motivi familiari (che spetta al lavoratore dipendente pubblico o privato).




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.