Legge 104 genitori, come fare domanda


Legge 104 genitori, come fare domanda




La Legge 104 prevede dei permessi lavorativi retribuiti per i lavoratori con disabilità grave e per coloro che assistono le persone portatrici di handicap. In particolare, per il disabile sono previste due ore al giorno di permessi lavorativi retribuiti o tre giorni al mese mentre a colui che assiste un disabile, spettano tre giorni al mese purché si tratti di:

  • coniuge o convivente;
  • parente entro il primo grado;
  • parente entro il secondo grado (solo in alcune circostanze).

In generale, i requisiti obbligatori per usufruire della Legge 104 sono di:

  • essere lavoratori dipendenti;
  • assistere una persona con disabilità grave;
  • assistere una persona che non sia ricoverata a tempo pieno.

Per poter richiedere i benefici della Legge 104, è necessario innanzitutto che sia accertata l’invalidità civile e lo stato di disabilità. Il paziente si rivolge al medico accreditato INPS che invia, in via telematica, un certificato all’INPS mentre al paziente, rilascia un certificato medico cartaceo e la ricevuta di trasmissione del certificato telematico all’INPS.

Il paziente invia poi la domanda vera e propria all’INPS, tramite il sito INPS se possiede il proprio PIN oppure rivolgendosi ad un Patronato. Alla fine della procedura, verrà data la possibilità di scegliere una data in cui verrà fatta la visita di accertamento della condizione fisica del paziente da parte dell’INPS. Questa data sarà entro 30 giorni dall’inoltro della domanda (15 giorni se si tratta di malati oncologici).

Dal giorno dell’accertamento, si può fruire dei benefici previsti dalla legge.

Il lavoratore portatore di handicap o che debba assistere un parente disabile, ha diritto a scegliere la propria sede di lavoro, scegliendo quella più vicina al proprio domicilio. Si potrà rifiutare per un possibile trasferimento o di svolgere il proprio lavoro nelle ore notturne o nei giorni festivi. I permessi usufruiti, in basse alla Legge 104, sono computabile oltre che per la retribuzione, anche per la maturazione delle ferie e per il calcolo della tredicesima.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.