Ferie badanti conviventi, come vengono calcolate


Ferie badanti conviventi, come vengono calcolate




Il CCNL lavoro domestico badanti disciplina il lavoro dei collaboratori domestici, fra cui sono ricomprese anche le badanti. Ci sono due tipi: le badanti non conviventi e le badanti conviventi.

Le prime, hanno un orario di lavoro massimo di 40 ore settimanali in 5/6 giorni e, nel caso prestino servizio da sei o più ore al giorno, hanno diritto al pasto o ad un’indennità pari al suo valore. Nel caso, invece, di badanti conviventi, l’orario massimo di lavoro è di 54 ore settimanali suddivise in 10 ore giornaliere non consecutive.

Inoltre, hanno diritto a 11 ore consecutive di riposo giornaliero, nonché un riposo pomeridiano di almeno 2 ore, durante la giornata lavorativa.

In più, hanno diritto, ovviamente, al vitto e all’alloggio.

Nelle ore restanti, la badante convivente dovrà rimanere a disposizione della persona che assiste ma potrà occuparsi delle proprie faccende personali. Per tutti i tipi di collaboratori domestici sono previsti 26 giorni di ferie annuali retribuite. Alla badante convivente spetta anche il compenso sostitutivo convenzionale durante le ferie.




E’ previsto il diritto al riposo totale durante queste festività (anche se capitano durante la settimana):

  • primo giorno dell’anno;
  • Epifania;
  • lunedì di Pasqua;
  • 25 aprile;
  • primo maggio;
  • 2 giugno;
  • 15 agosto;
  • primo novembre;
  • 8 dicembre;
  • Natale;
  • Santo Stefano;
  • giorno del Santo Patrono (se la festività cade nel giorno libero, questo va spostata al giorno dopo).

Alla badante convivente spettano poi altri giorni liberi: tutte le domeniche e altre 12 ore libere in un altro giorno.

I collaboratori domestici hanno poi diritto a 16 ore annue di permessi retribuiti (nel caso di lavoratori che lavorano meno di 40 ore a settimana, ovviamente il numero di ore è proporzionato all’orario di lavoro).

Quindi, sono previsti:

  • tre giorni di permesso retribuito in caso di lutto;
  • due giorni di permesso retribuito, nel caso di nascita di un figlio se si tratta di un collaboratore domestico uomo.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.