NASPI 2019, quando viene sospesa?


naspi 2019




La NASPI è l’indennità di disoccupazione che spetta a chiunque abbia tali requisiti:

  • il lavoratore che si trovi in uno stato di disoccupazione involontaria;
  • il lavoratore che abbia maturato un requisito contributivo, cioè possa far valere almeno tredici settimane di contribuzione nei quattro anni precedenti l’inizio della disoccupazione;
  • il lavoratore che abbia maturato un requisito lavorativo, cioè trenta giornate di lavoro effettivo nei dodici mesi antecedenti l’inizio del periodo di disoccupazione.

La NASPI 2019 spetta al disoccupato per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni, per un massimo di ventiquattro mesi logicamente per essere erogata si deve fare domanda disoccupazione 2019 all’INPS.

Bisogna distinguere fra decadenza e sospensione della NASPI.

Infatti, mentre la prima rappresenta la perdita definitiva del diritto all’erogazione dell’indennità di disoccupazione (ad esempio, perché non si è più in stato di disoccupazione), invece la sospensione è il blocco temporaneo della NASPI (ad esempio, quando si trova un lavoro solo per un mese).

In questo ultimo caso, la NASPI viene sospesa per quel periodo e riprende alla fine del lavoro.




Nel caso in cui si trovi un nuovo lavoro non sarà sempre necessario comunicarlo all’INPS perché sarà il
datore di lavoro ad inviare la comunicazione preventiva all’INPS che verrà a conoscenza del nuovo
lavoro, sospendendo per quel periodo la NASPI.

Ma ci sono delle eccezioni, cioè quando si viene assunti:

  • da datori di lavoro esteri, all’estero;
  • da un’agenzia di lavoro con contratto di somministrazione (infatti, l’agenzia può comunicare la
    nuova assunzione entro venti giorni all’INPS e per questo il soggetto che stipula tale contratto è
    tenuto a comunicarlo subito all’INPS);
  • nel settore agricolo;
  • da datori di lavoro che sono esonerati dall’obbligo di inviare la comunicazione preventiva all’INPS. 

La NASPI non viene sospesa ma ridotta se con il nuovo lavoro (a tempo determinato o indeterminato) il
lavoratore raggiunge un reddito inferiore a 8145 euro annui.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.