Contratto di lavoro, quale costa meno al datore di lavoro


contratto di lavoro




Per il datore di lavoro che assumeva i lavoratori con contratti a tempo indeterminato, fino al 2016, c’era la possibilità di godere di alcuni bonus:

  • lo sgravio contributivo;
  • esonero contributivo per due anni;
  • deduzione integrale del costo del lavoro sull’imponibile IRAP.

Dopo la Legge di Stabilità 2017 e la Legge di Bilancio 2017, molte cose sono cambiate.

Contratto di lavoro e incentivi per le aziende

Infatti, le aziende che vogliono assumere e avere degli incentivi sulla contribuzione possono farlo utilizzando il:

  • Bonus diplomati 2018 (si tratta delle agevolazioni che spettano ai datori di lavoro che dal primo gennaio 2018 assumono giovani che hanno svolto uno stage, Alternanza Scuola Lavoro o Apprendistato presso la stessa azienda);
  • Bonus assunzioni Sud 2018 (che prevede uno sgravio contributivo del 100% per un anno a chi assume a tempo indeterminato giovani disoccupati del Sud);
  • Bonus Garanzia Giovani 2018 (si tratta di incentivi e agevolazioni per chi assume giovani fra i 16 e i 29 anni iscritti al programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione);
  • Bonus assunzioni donne disoccupate;
  • Nuovo Bonus assunzioni giovani 2018 (prevede uno sgravio contributivo del 50% per i primi tre anni di contratto a tutele crescenti).

I contratti a chiamata e a tempo determinato

Nel caso in cui invece l’azienda decidesse di assumere a tempo determinato,   verrebbe meno la deducibilità integrale del costo del lavoro dalla base imponibile IRAP (che è possibile solo per il rapporto di lavoro a tempo indeterminato). Proprio questa indeducibilità comporta un aumento nei costi dell’impresa e per l’imprenditore che assume.




Un’altra tipologia di contratto di lavoro è quella a chiamata che si ha solo quando il datore di lavoro
necessita di un lavoratore per svolgere una certa prestazione. Si tratta di un contratto di lavoro
intermittente che non può avere una durata superiore a 400 giornate in tre anni solari (ad eccezione del settore turismo, spettacolo e pubblici servizi).




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.