Disoccupazione, richiederla in un’unica soluzione


domanda di disoccupazione




Come abbiamo già avuto modo di dire, la domanda di disoccupazione è volta ad ottenere l’indennità e per farlo è necessario presentarla attraverso l’Inps. Questa indennità non si riceve, normalmente, in un’unica soluzione ma diverse volte nel corso dell’anno. Può valere un discorso differente, però, per coloro che la desiderano per avviare un’attività di lavoro autonomo o un’impresa, si può beneficiare dell’anticipo NASpI sarà possibile ottenere l’indennità attraverso un’unica soluzione.

Bisogna in primis ricordare i requisiti base: aver perso involontariamente la propria occupazione oppure aver dato le dimissioni per motivi validi e fondati (la ‘giusta causa’ oppure la maternità), dimostrare di aver versato almeno 3 settimane di contributi nei 4 anni precedenti oppure aver lavorato per 30 giorni nel corso degli ultimi 12 mesi.

Domanda di disoccupazione i vari casi

Da ricordare anche che la perdita del proprio lavoro viene definita ‘involontaria’ anche in alcune circostanze speciali: non soltanto la giusta causa come detto sopra, ma anche eventuali molestie sessuali sul luogo di lavoro o anche una scarsa retribuzione.

L’anticipo della Naspi può essere richiesta solo nel caso in cui il lavoratore debba poi fare uso di quel
denaro per aprire un’attività di lavoro autonomo oppure perfezionare e sviluppare un’attività già
esistente (magari di famiglia). La domanda può essere accolta nel caso in cui volessimo aprire un’attività
di impresa individuale commerciale, artigiana, agricola, oppure, secondo le linee guida dell’INPS,
“costituzione o ingresso in società di persone in quanto il reddito derivante dall’attività svolta dal socio
nell’ambito della società è fiscalmente qualificato reddito di impresa”. Naturalmente anche l’apertura di
una qualunque altra attività può essere considerata per l’approvazione della liquidazione in un’unica
soluzione della Naspi.




La proposta va inviata telematicamente all’INPS, attraverso una delle tante  soluzioni indicate. Va bene
che tutto sia fatto online, a patto che si sia registrati oppure in possesso di PIN, o alternativamente ci si
può rivolgere al call center o al patronato locale.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.