Festività natalizie e busta paga, quali vengono pagate


Festività natalizie e busta paga, quali vengono pagate




Le festività natalizie si stanno avvicinando ed ora ci si inizia a domandare come vengono pagate in busta paga, ecco perché è bene saper leggere la busta paga, per capire se i conteggi sono stati fatti correttamente. Presto infatti inizierà la fatidica settimana di Natale e anche tutte le altre importanti festività che sono in tanti ad aspettare per tutto l’anno, per divertirsi e per tornare a stare con la famiglia. Ma ecco tutto quello che bisogna sapere dal punto di vista della busta paga.

Prima di tutto, vengono riconosciuti come giorni festivi, per quanto riguarda questo genere di festività (senza considerare quindi la festa dei lavoratori, del 25 aprile o Pasqua), innanzitutto l’Immacolata Concezione e poi Natale e Santo Stefano. Alla conclusione di questa festività viene considerato festivo anche Capodanno e poi l’Epifania. Non vengono incluse in questa lista, in base alle decisioni dello stato italiano, la Vigilia di Natale e neppure il giorno della fine dell’anno, San Silvestro.

Come vengono retribuite le festività natalizie

Esistono delle regole che sono particolarmente utili per comprendere come vengono retribuite le festività. Sono semplici da ricordare e aiutano a fare meglio i conti quando riceviamo la fatidica busta paga.

Se il giorno festivo cade in un giorno settimanale, per regola il lavoratore viene pagato esattamente
come se avesse svolto regolarmente il giorno di lavoro. Se il dipendente è pagato ad ore, il lavoratore
ottiene una maggiorazione pari a 1/6 della retribuzione settimanale.




E se la festa coincide con un giorno già festivo come la domenica?

Sicuramente preferibile per alcune persone, da considerare il momento in cui la festività coincide con
un giorno già considerato festivo. In questo senso il lavoratore otterrà una maggiorazione sullo
stipendio per aver, quindi, perso un giorno di riposo (nei fatti la festività è come se non ci fosse stata): di
conseguenza viene considerato come se il dipendente avesse ottenuto una festività non goduta e potrà
riutilizzare il giorno quando lo riterrà più opportuno.

Nei giorni festivi il lavoratore ha il diritto di non presentarsi a lavoro e di essere retribuito come se
l’avesse fatto.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.